Musica

Never more, l’inno alla vita degli Original Sicilian Style

Original Sicilian Style
2 mag 2017 - 17:09

CATANIA - 2 maggio 2017. Una storia che ne racchiude tante. Un lieto fine che è quello che dovrebbe attendere chi, costretto dal bisogno, lascia la propria terra per approdare altrove, e da lì ripartire per poter avere e dare un futuro. È un vero e proprio inno alla vita, Never More, il nuovo singolo degli Original Sicilian Style.

Un brano intenso, in cui la band catanese riesce, come sempre, a coniugare reggae e sicilianità, accompagnato da un video onirico, dal sapore proustiano, in cui la realtà si mescola con il sogno, e in cui alla fine trionfa l’umanità. Al centro della clip, la storia di Lucy, una storia di migrazione e integrazione, un cortometraggio su note reggae, arricchito dai disegni del writer Anc, che rendono le immagini ancora più suggestive.

“Questa è una canzone che non potevo non scrivere – spiega Enrico Pellegrino, voce degli OSS -. Non so come siano uscite le parole: è stata una necessità. Il nuovo, ancora più duro, volto delle migrazioni, le centinaia di morti, le speranze tradite e i desideri realizzati – sottolinea – mi hanno spinto a comporre Never more che, a differenza di tante storie, ha un lieto fine. In cui tutto è visto da diverse prospettive. È così che l’abbandono di un Paese diventa scoperta di nuovi luoghi, nuovi affetti, nuove possibilità. Il pezzo nasce con l’esigenza di andare oltre il fatto di cronaca – aggiunge Pellegrino - e raccontare delle persone, delle loro vite”.

Questo il testo: “Na sta navi ca barcolla lenta in alto mari (in questa nave che barcolla lenta in alto mare)
vota e si rivota e sugnu ca misu ca priari (e gira e si rigira e sono qui a pregare)
e preiu u me diu di farimi campari (e prego il mio dio di farmi sopravvivere)
senza ciatu stamu femmi (senza respiro rimaniamo fermi)
continuamu a sugnari (e continuiamo a sognare)
na vita migliuri na vita diversa na vita (una vita migliore una vita diversa una vita)
ca sognu na vita mai persa (che sogno una vita non persa)
na ca a fini ti segna intra o to cori (che alla fine ti segna dentro il tuo cuore)
a cui stu mari attraversa. (A chi questo mare attraversa)”.

Un nuovo, grande, singolo, terzo inedito del nuovo disco degli OSS in uscita la prossima estate, di una delle band più significative della scena reggae italiana, nata nel 2011 dall’incontro esplosivo di otto artisti musicali, e ancora oggi tra le migliori formazioni musicali made in Sicily.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA