Concerti

Natale in musica per il Teatro Massimo di Palermo

foto di www.leviedeitesori.com
foto di www.leviedeitesori.com
24 dic 2015 - 12:38

PALERMO - Mancano pochissime ore al Natale e anche la città di Palermo ha in attivo gli appuntamenti previsti nella sua agenda. 

Il protagonista di queste festività sarà proprio il Teatro Massimo che ospiterò grandi e piccini per due appuntamenti all’insegna della musica. Domenica 27 dicembre L’Orchestra Popolare Italiana, fondata da Antonio Sparagna, vi aspetterà intorno alle 11,30 per il concerto ”Fermarono i cieli, concerto di Natale’‘.

Per questa occasione saliranno sul palco con Ambrogio Sparagna nomi noti come Peppe Servillo, impegnato nei repertori di Sant’Alfonso Maria de Liguori, autore di Tu scendi dalle Stelle, Mario Incudine e Eleonora Bordonaro nei loro repertori tradizionali dei rituali dell’Avvento in Sicilia. 

Con questo concerto L’Orchestra Popolare vuole trascinare il suo pubblico all’interno delle tradizioni natalizie campane e sopratutto siciliane, infatti troveremo sul palco strumenti musicali come la zampogna napoletana, alta quasi due metri e diffusa dalla fine del settecento, la zampogna a paro siciliana, la tofa, il violino a tromba, la ghironda, le caramelle, i tamburelli e ancora altri.

L’indomani, lunedì 28 alle 20,30, è la volta del pluripremiato Virginia State University gospel Choir, uno tra i più famosi e riconosciuti a livello mondiale nato nel 1971.

Ad esprimersi sugli eventi in programma è stato il sovraintendente Francesco Giambrone che ha dichiaro: ‘‘Vogliamo ribadire che questo Teatro è un punto di riferimento per la città, un luogo dove passare le feste, dove stare con le persone care, dove ritrovarsi nel segno della serenità e della gioia. Questo è il senso del cartellone ‘Il Massimo in famiglia’ di cui fanno parte i concerti natalizi, ma questo è anche il senso dell’apertura quotidiana del Teatro alle visite dei cittadini e dei turisti”.

Il Teatro Massimo in occasione delle feste natalizie resterà aperto tutti i giorni dalle 9.30 alle 18. 

Francesca Guglielmino



© RIPRODUZIONE RISERVATA