Organizzazione

Messina, per l’assessore Cacciola tutto ok al concerto di Vasco Rossi

Vasco Rossi 2
11 lug 2015 - 10:24

MESSINA - Vasco Rossi continua a far parlare e sotto accusa è finita la macchina organizzativa comunale per il grande afflusso di fan – circa 40mila – del rocker di Zocca nella città dello Stretto.

Molte lamentele sono arrivate per il lento deflusso delle auto e dei bus dalle zone limitrofe allo stadio e per la mancanza di adeguati controlli per contrastare gli abusivi (che chiedevano 20 euro ad auto e circa 50 euro ad autobus) e di cestini e di bagni chimici.

Per l’assessore alla mobilità urbana Gaetano Cacciola, invece, il concerto di Vasco “ha dato la dimostrazione che è possibile puntare anche a Messina su grandi eventi. La città si può proporre per organizzare ancora per il futuro eventi di questo tipo, infatti le fisiologiche problematiche che si sono evidenziate, in futuro potranno anche essere meglio gestite”.

“L’afflusso allo stadio, così come è stato sottolineato nei commenti degli organi di informazione - prosegue l’assessore - si è svolto nella migliore delle maniere. I servizi a supporto sono stati certamente efficienti e i tantissimi fans di Vasco Rossi, arrivati dalla provincia di Messina, da tutta la Sicilia, dalla Calabria e persino da alcune regioni del centro e del nord Italia, hanno utilizzato i servizi messi a disposizione da questa amministrazione e dall’Atm, senza alcun problema. Il supporto della polizia municipale è stato decisivo già dal pomeriggio, per un evento che si è svolto senza alcun incidente, cosa certamente non scontata quando sono così tanti i partecipanti”.

Inoltre Cacciola evidenzia un deflusso “pressoché” istantaneo: “E’ bene evidenziare però che dopo due ore dalla fine del concerto tutti avevano lasciato la zona dello stadio. Questo è avvenuto grazie all’impegno, agli sforzi al sacrificio della polizia municipale e dei lavoratori dell’Atm che meritano il nostro ringraziamento. L’organizzazione di questo evento ci conforta nella possibilità di rilanciare la città nella direzione di accogliere eventi di questa natura; Messina da tempo era ormai fuori da questi circuiti e grazie all’aver rimesso a norma l’impianto, è possibile oggi utilizzarlo, oltre che per la sua naturale funzione di stadio sportivo, anche per eventi di grandissimo richiamo”.

Commenti

commenti

Andrea Sessa



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento