Laudamo

Messina, Francesco D’Orazio e Giampaolo Nuti in concerto

18 ott 2014 - 12:50

MESSINA - Stasera, alle ore 18, al Palacultura Antonello, per la stagione concertistica 2014/2015 della Filarmonica Laudamo, il violinista Francesco D’Orazio ed il pianista Giampaolo Nuti saranno i protagonisti del concerto di inaugurazione “Immagini dal Secolo Breve”.

Francesco D’Orazio, violinista tra i più prestigiosi, insignito nel 2010 del XXIX Premio Abbiati della Critica Musicale Italiana quale “Miglior Solista”, è stato, dopo Salvatore Accardo, l’unico violinista italiano a ricevere questo riconoscimento succedendo, peraltro, a soli 14 musicisti, tra cui Maurizio Pollini, Arturo Benedetti Michelangeli, Sviatoslav Richter e Radu Lupu. Numerosi compositori hanno scritto per lui, tra i quali Ivan Fedele, Terry Riley, Michael Nyman, Marco Betta, Michele dall’Ongaro e Luis De Pablo gli ha dedicato il suo ultimo brano violinistico “Per Violino”.

D’Orazio si esibirà in duo con Giampaolo Nuti, versatile pianista con una rilevante discografia per Stradivarius, Decca e Brilliant, che comprende alcune integrali e prime incisioni assolute, acclamate dalla critica specializzata.

Il programma del concerto, pensato apposta per l’inaugurazione di una stagione che vedrà quale filo conduttore il Novecento, comprende musiche di alcuni tra i principali compositori del secolo:

Arvo Pärt, grande autore estone dei nostri giorni, semplice ma profondo e autenticamente spirituale, del quale saranno eseguiti Fratres e Spiegel Im Spiegel due brani rappresentativi della cd tintinnabulazione, tecnica da lui stesso inventata ed ispirata al suono delle campane;

John Adams, compositore contemporaneo tra i più ammirati, Premio Pulitzer nel 2002, del quale sarà eseguito Road Movies.

Alfred Schnittke con la Sonata n.1, affascinante esperimento di musica seriale e tonale insieme;

Maurice Ravel con la Sonata n.2, composizione fortemente intrisa di blues.

Inserita nel programma, inoltre, la Sequenza VIII del grande Luciano Berio, del quale D’Orazio fu uno dei suoi più vicini collaboratori.

Il prossimo concerto, in programma domenica 26, sempre alle ore 18, al Palacultura, vedrà di scena Salvatore Bonafede al pianoforte in “Journey to Donnafugata”, affascinante viaggio nelle musiche di Nino Rota liberamente tratte dalla colonna sonora del film il Gattopardo di Luchino Visconti.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento