Musica

A Enna il viaggio di Syria nella canzone italiana al femminile

Syria-10-Foto-di-Pier-Nicola-Bruno
28 feb 2015 - 17:58

ENNA - Il suo ultimo album è uscito lo scorso maggio, ma Syria, una delle protagoniste della musica pop italiana degli ultimi 20 anni, sul palco del Teatro Garibaldi di Enna, lunedì 2 marzo per la stagione firmata da Mario Incudine, porterà un omaggio alle più grandi canzoni della storia italiana interpretate dalle sue più stimate colleghe. Da Mina a Ornella Vanoni, da Patty Pravo a Loredana Bertè, da Fiorella Mannoia a Laura Pausini, fino a Elisa e Carmen Consoli, per la prima volta le epoche storiche della musica italiana vengono narrate attraverso il filo conduttore delle canzoni al femminile riproposte in veste intima ed acustica da Syria, accompagnata dalla chitarra del musicista messinese Tony Canto, con testi di Luca de Gennaro.

Bellissime voci di donne, racconti di canzoni. Perché la storia della canzone italiana è stata raccontata in gran parte da voci di donna: soffici e volitive, sensuali ed energiche, gridate e sussurrate da interpreti femminili che hanno reso immortali delicate melodie, struggenti ballate, tormentate storie d’amore.

La romana Cecilia Cipressi, in arte Syria, è “figlia” del Festival di Sanremo (dove ha esordito nel 1995) che ha vinto nel 1996 nella categoria Giovani con il brano “Non ci sto” e si è piazzata al terzo posto tra i Big nel 1997 con il brano “Sei tu”. L’artista ha all’attivo ben dieci album e non è nuova nell’omaggiare le sue colleghe più famose: già al suo primo Sanremo aveva esordito con la cover “Sei bellissima” di Loredana Bertè, nel suo primo album omonimo aveva inserito il brano “Sogno”, cover di Mietta, e ancora una cover di Loredana Bertè, “Mi manchi”, si trova nell’album “Non è peccato”.

Per lei hanno scritto svariati autori come Claudio Mattone e Alberto Salerno, Mariella Nava e Mimmo Cavallo, ma anche Biagio Antonacci, Jovanotti, Gianna Nannini, Tiziano Ferro, Mario Venuti, Le Vibrazioni, Roberto Casalino e Giorgia. Lo scorso anno è tornata sulle scene con il singolo Odiare (dal disco “Syria 10” uscito in maggio) scritto da Max Pezzali.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento