Teatro

Enna, l’avanspettacolo sotto le bombe

risate-sotto-le-bombe-scena
3 mar 2015 - 16:20

ENNA - Un piccolo teatro, in una cittadina di provincia, nel pomeriggio dell’8 settembre 1943. Dall’inizio della guerra le compagnie di arte varia si arrangiano come possono, girando il paese tra mille difficoltà e con mezzi di trasporto improvvisati, alla disperata ricerca di un ingaggio successivo e con la speranza che l’impresario locale non faccia scherzi, magari scappando con il magro incasso. Questa è la cornice in cui si dipana la trama della commedia musicale “Risate sotto le bombe” che, con le Sorelle Marinetti e Gianni Fantoni, farà tappa al Teatro Garibaldi di Enna, giovedì 5 marzo per la stagione firmata da Mario Incudine.

Per le Sorelle Marinetti (al secolo Nicola Olivieri, Andrea Allione e Marco Lugli) Gianni Fantoni e Giorgio Umberto Bozzo hanno ideato una commedia musicale che ci riporta all’autunno del 1943: poco dopo l’inizio di uno spettacolo suona improvvisamente un allarme aereo. Il pubblico, preso dal panico, scappa dalla sala. La piccola compagnia di attori e cantanti si rifugia nel camerino del coro, esattamente sotto il palcoscenico del teatro. Le Sorelle Marinetti, il capocomico Altiero Fresconi (interpretato dallo stesso Gianni Fantoni), il refrenista Rollo (Paolo Cauteruccio), la soubrettina Velia Duchamp (Francesca Nerozi) e alcuni musicisti, sono costretti ad attendere il cessato allarme in un angusto spazio, che fa affiorare la complessità dei rapporti interpersonali. Per impiegare il tempo, e come antidoto contro la paura e la fame, gli artisti decidono di provare i numeri di un nuovo spettacolo. Ma tutto non è come appare, e lo sviluppo della storia dei nostri attori e cantanti è destinato a offrire al pubblico molte sorprese e tantissima suspence, oltre che l’occasione per ascoltare le canzoni di un’epoca, con le musiche dal vivo eseguite da Christian Schmitz, Adalberto Ferrari e Francesco Giorgi.

Il programma musicale prevede l’esecuzione di dodici brani, undici d’epoca ed uno appositamente scritto per lo spettacolo, che creano un’atmosfera vivida e piacevole, tra nostalgia e struggimento. di Giorgio Umberto Bozzo e Gianni Fantoni. Regia di Francesco Sala.

Con le Sorelle Marinetti e Gianni Fantoni, in scena Francesca Nerozzi, Paolo Cauteruccio, Jacopo Bruno

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento