Teatro

Il duo Ricci/Forte al Biondo di Palermo con “Still life”

89202CFD-C86B-4398-BC3E-05F725526FF8
17 nov 2015 - 19:24

PALERMO - Il duo artistico Ricci/Forte, pungente e dirompente come sempre,  va in scena al teatro Biondo di Palermo dal 20 al 29 novembre, con lo spettacolo “Still life”.

Interpretato da Anna Gualdo, Giuseppe Sartori, Fabio Gomiero, Liliana Laera, Francesco Scolletta e Simon Waldvogel, con i movimenti curati da Marco Angelilli, lo spettacolo è prodotto dalla compagnia Ricci/Forte col sostegno del Teatro di Roma. 

Il tema è attualissimo: il bullismo e la discriminazione omofobica, ispirato da una storia vera, che ne riflette tantissime altre. È l’omaggio all’adolescente romano, uno dei tantissimi, che si è tolto la vita due anni fa impiccandosi con la sua sciarpa rosa a seguito di ripetuti sberleffi.

Un connubio di recitazione e danza che scuote i sensi e le coscienze. Uno spettacolo vertiginoso, che scuote i sensi e le coscienze in un’invettiva contro l’indifferenza di fronte a episodi di violenza e incultura, proprio in quei licei in cui dovrebbero formarsi gli adulti di domani. 

L’intento dei due artisti è quello di colpire profondamente il pubblico, di farlo riflettere e, soprattutto, provocarlo.

“La denuncia di questa condizione diventa denuncia di un olocausto” affermano senza mezzi termini Stefano Ricci e Gianni Forte. Il teatro, per i due enfants terribles della scena italiana, è soprattutto un modo di fare politica: “Un processo da intendersi come una responsabilità che i cittadini hanno all’interno della polis. Assumersi tale impegno diventa un atto di coraggio che pochi riescono ad avere. Si preferisce non vedere, evitare interrogativi che ci costringerebbero ad una riflessione. Si preferisce l’omologazione ai canoni di una società precostituita. Questa è già l’anticamera alla repressione della fantasia e all’auto annientamento”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA