Teatro

Coppia Santi-Russo fa rivivere con successo immortale storia di Don Chisciotte e Sancio Panza

14724210_10154671874303724_503849568_o
16 ott 2016 - 16:51

CATANIA - Dare vita ad un classico senza tempo della drammaturgia come “Don Chisciotte e Sancio Panza”, rivisto dalla penna di Francesco Russo autore anche della regia della pièce in due atti rappresentata al Teatro L’Istrione spettacolo d’apertura della nuova rassegna “Maschere Nude”, non è facile in quanto l’ingombrante confronto con i palcoscenici di tutta Europa è incombente. Una missione sicuramente ardua che i due protagonisti Valerio Santi, Don Chischiotte, e Francesco Russo, Sancio Panza, in una scena essenziale arricchita da un complice gioco di luci, affrontano e superano con stile, intelligenza ed ironia.

Il celebre testo di Miguel De Cervantes ridotto a due personaggi riesce a raccontare l’anima sognatrice ed idealista di Don Chisciotte in contrapposizione con il carattere concreto e più sanguigno del fedele scudiero il cui linguaggio è contaminato da elementi prosaici moderni ricchi di paradossi e giocosi ragionamenti linguistici espressi in un ricco botta e risposta capace di coinvolgere il pubblico dall’inizio alla fine. L’affiatamento sulla scena dei due attori è eccellente, anche quando le figure dei due personaggi ribaltandosi sovrappongono le loro anime fino a diventare il proprio prolungamento visto negli occhi dell’altro. Coinvolgenti i dialoghi tra due anime dalla grande umanità che rendono la messa in scena fresca, godibile e curata in ogni dettaglio.

Bravo Francesco Russo con le sue battute sagaci e pungenti nello stimolare l’elegante e credibile interpretazione di Valerio Santi in uno spettacolo dal sapore eterno che strizza l’occhio al presente.

Elisa Guccione

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA