Cucina

Chef Bonetta Dell’Oglio sabato al teatro Garibaldi di Enna

Bonetta DellOglio
30 mar 2015 - 17:35

ENNA - Appuntamento alla vigilia di Pasqua con i dolci della tradizione, con l’etica e le tipicità del territorio. Saranno questi gli ingredienti principali dell’ultimo appuntamento del Teatro del Gusto, il format organizzato dal teatro ennese diretto da Mario Incudine in collaborazione con l’Onav (Organizzazione nazionale assaggiatori di vino) di Enna, che ha visto “esibirsi” non attori, ma alcuni dei più rinomati chef e gourmet siciliani che, sotto lo sguardo attento del pubblico, hanno preparato speciali pietanze nella cucina allestita sul palcoscenico. Sabato 4 marzo alle ore 19.30 salirà sul palco del Teatro Garibaldi, allestito come una vera e propria cucina, la chef palermitana Bonetta Dell’Oglio, ex patron chef della Dispensa dei Monsù, che a Enna proporrà i dolci della tradizione pasquale rivisitati secondo la sua filosofia in cucina, la cassata della rivoluzione (ovvero realizzata con prodotti al 100% siciliani, nel rispetto degli agricoltori, del territorio, degli allevatori e dei trasformatori dei nostri prodotti) e l’agnello pasquale.

«Per questo dolce – svela la chef – attingerò alla ricetta tradizionale delle monache del convento di Favara che riempiono il tradizionale agnello di pasta reale con il pistacchio».

E la filosofia culinaria di Bonetta Dell’Oglio, fondatrice della Rivoluzione in un chicco, è quella di una cucina etica nel senso più deontologico del termine. Una cucina che rispetta la materia prima, l’ambiente , il territorio, e che valorizzi tutti i suoi prodotti. Ed è per questo “credo” che Bonetta Dell’Oglio oggi è considerata la paladina delle biodiversità siciliane, l’ambasciatrice di una rivoluzione culturale che parte dal pane, dalla difesa di quei grani originali che in Sicilia si sono tramandati per 5000 anni.

Bonetta Dell’Oglio non sarà la protagonista solitaria di questa serata al Teatro Garibaldi, ma sarà in compagnia di alcuni rinomati ospiti che commenteranno le sue prelibate preparazioni: il giornalista enogastronomico Stefano Gurrera; il presidente regionale della Fisar (Federazione Italiana sommelier albergatori e ristoratori) Vittorio Cardaci; Pino Pedone tra i fondatori della condotta Slow Food Enna; Silvia Turco, produttrice di grani antichi siciliani, e Davide dell’Utri della cantina Baglio di Pianetto. Tra gli ospiti della serata anche Giovanni Leonardo Damigella, un imprenditore di Mineo, da vent’anni residente a Chiaramonte Gulfi, con la passione per il pane.

Nel corso della serata saranno consegnati alcuni riconoscimenti – dal Comune di Enna e dalla Lurss Onlus – allo street chef ennese Rosario Umbriaco per la sua partecipazione alla prima edizione dell’Oscar Cibo di Strada a Milano, dove si è classificato sesto con il suo arancino con ricotta fresca e Piacentinu ennese Dop.

Nel foyer del teatro, al termine dello show cooking, saranno offerti in degustazioni alcuni vini di Baglio di Pianetto, accompagnati dal pane di Damigella, dal Piacentinu ennese Dop, dalla ricotta fresca del Cavalcatore e dalle confetture dell’azienda agricola Agrirape di Angelo Manna. 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento