I Art

1 Agosto, evento a Catania: “Norma” di Bellini in versione jazz

orchestra
28 lug 2015 - 18:45

CATANIA - Ha cominciato titubante con le note lunghe e dense di pathos della “Casta Diva” (che inargenti…), la preghiera alla luna della sacerdotessa gallica. E visto che funzionava, la “Norma”, il capolavoro di Vincenzo Bellini, Paolo Silvestri l’ha riscritta tutta in chiave jazz. Genovese, compositore e direttore d’orchestra impegnato in queste ore in sala prove con i sedici elementi dell’Orchestra Jazz del Mediterraneo – cui si aggiungerà la voce solista della tromba di Paolo Fresu – Paolo Silvestri confessa di non vedere l’ora di eseguirla a Catania questa sua “Norma”, ripensata secondo i canoni stilistici del jazz su invito del regista Giovanni Anfuso, direttore artistico degli eventi catanesi del Festival I ART.

Il debutto, in prima assoluta nazionale, sabato 1 agosto al Cortile Platamone (ore 21). Sul palco l’Orchestra Jazz del Mediterraneo (quattro trombe, quattro tromboni, cinque sassofoni – che si alterneranno con flauto e clarinetto – e la sezione ritmica con pianoforte, contrabbasso e batteria) e il talento di Paolo Fresu, cui sono affidate le melodie dell’opera, “lasciate assolutamente intatte”, assicura Silvestri.

fresu

E Fresu, del resto, artista onnivoro e creativo, non è affatto estraneo e distante dalle tentazioni che la musica classica riserva ai più curiosi esploratori del pentagramma, di ieri e di oggi. Più volte il musicista sardo è stato infatti ospite di grandi formazioni sinfoniche, italiane e straniere. “Ho cominciato, e non senza perplessità dall’aria della Casta Diva – racconta Silvestri, autore di numerose colonne sonore per il cinema – e poi mi sono lasciato trascinare. Ed è stata una continua sorpresa perché, spogliati dall’orchestrazione originale, dell’accompagnamento del pianoforte ed eseguiti in una forma non lirica, i brani di Norma sembrano canzoni popolari. Ne contengono l’essenza. Mi hanno ricordato cose di Modugno. Ma non vi aspettate lo swing. Il ‘colore’ dell’orchestra, sarà quello che Gil Evans nel 1959 ha dato al ‘Porgy and Bess di Gershwin”. In quell’occasione, raccontò Miles Davis, la sfida fu quella di far assomigliare il suono della sua tromba a quello della voce umana.

La “Norma jazz” di Silvestri – che conclude la rassegna Sicilia Jazz Festival – è a ingresso gratuito fino a esaurimento dei 700 posti a disposizione. I cancelli saranno aperti alle ore 20 per consentire il soundcheck dell’orchestra. Sicilia Jazz Festival è inserito nel cartellone del Festival I Art, il grande contenitore di eventi multidisciplinari incluso nell’omonimo progetto comunitario, ideato e diretto da I World e con il Comune di Catania ente capofila.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento