Ambiente

Siracusa, studenti americani alla scoperta del Plemmirio

studenti-Arcadia-University-in-AMP-450x600
10 giu 2015 - 18:23

SIRACUSA - Otto studenti americani sono a Siracusa alla scoperta delle bellezze del Plemmirio. Gli studenti, guidati dalla Arcadia University, Mediterranean Center for Arts and Sciences attraverso un protocollo stipulato tra l’ateneo Usa e l’Area Marina Protetta del Plemmirio avranno tre settimane di tempo per approfondire le loro conoscenze teoriche e tecniche sul mare nostrum. La finalità dell’iniziativa è quella della “acquisizione della conoscenza degli habitat marini dell’area marina” e la formazione prevede una full immersion e varie attività. Dal conseguimento del brevetto open water con uno dei diving accreditati per la realizzazione di immersioni nell’oasi marina siracusana, al monitoraggio ambientale e allo sviluppo delle conoscenze di base degli aspetti naturalistici dell’area marina a fianco di biologi marini, alla partecipazione al pattugliamento e al controllo della costa con la locale Polizia ambientale fino, naturalmente, a tuffarsi nelle splendide acque del Plemmirio dove hanno già avuto modo, riferiscono dal Consorzio Plemmirio, “di imbattersi in barracuda e cernie mentre i più fortunati hanno persino avvistato un enorme pesce luna che li ha piacevolmente impressionati”.

Gli studenti avranno modo di realizzare nell’ultima settimana di studi prevista a fine giugno, filmati e video che arricchiranno di nuove emozioni la loro esperienza di studio a Siracusa.

Riscontriamo sempre un grande entusiasmo da parte degli studenti americani nello scoprire la bellezza del mare del Plemmirioafferma il direttore dell’Amp del Plemmirio Rosalba Rizzami piace ricordare che questo progetto nasce da un protocollo stipulato con la Arcadia University a cui partecipano, nello svolgimento delle attività istituzionali, anche l’Arpa di Siracusa che collabora  alle attività di laboratorio volte al monitoraggio scientifico delle acque marine e la Polizia Ambientale impegnata nel presidio della sicurezza delle coste“. 

 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento