Educazione

Scicli, insegnanti d’asilo a lezione di management e comunicazione

alta-formazione-per-educatori
30 set 2016 - 16:03

SCICLI - Per imparare a guardare il mondo con gli occhi dei bambini, insegnanti ed educatrici d’asilo vanno a scuola di management e comunicazione

L’idea è di due insegnanti-manager e titolari dell’asilo nido e scuola d’infanzia Peter Pan, Carmela Padua e Alessandra Trovato, che hanno deciso di investire nella formazione del personale dipendente, rivolgendosi a Casa Imbastita Campus, una società che si occupa di formazione manageriale e consulenza di direzione per piccole e medie imprese. 

Mercoledì 28 settembre nell’aula di Casa Imbastita Relaxbusiness, quindici tra insegnanti ed educatrici della Scuola Peter Pan sono tornate tra i banchi per apprendere i concetti-cardine del management aziendale e del marketing, ma anche per imparare a gestire la comunicazione interpersonale e le dinamiche di gruppo.

Spiega Alessandra Trovato: “Abbiamo deciso di frequentare questo corso per far sì che le nostre insegnanti imparino le nuove tecniche di comunicazione efficace, per arricchire le loro capacità di relazione e interazione con il gruppo, i bambini e i loro genitori. Perché se un asilo è un’azienda, è anche vero che la sua responsabilità sociale è maggiore di quella di una normale impresa”.

Mauro Baricca, formatore e amministratore di Casa Imbastita, ha spiegato l’importanza fondamentale di “guardare il mondo con gli occhi dei bambini e imparare da loro”. Non solo perché i bambini sono grandi comunicatori (e venditori), ma anche perché, quando si comunica, è importante uscire da sé e mettersi nei panni dell’altro.

Da qui l’importanza di comunicare bene per chi fa l’educatore, ma soprattutto per quanto concerne l’aspetto relazionale, dal momento che una buona capacità di comunicazione può essere il “solvente” di tutti quei problemi nei rapporti con gli altri, che vanno dai conflitti ai contrasti, dalla debole motivazione alla bassa autostima.

Sottolinea Baricca: “Il ruolo delle insegnanti e delle educatrici è delicatissimo. La vera differenza non è cosa fai, ma come lo fai”.

img_447-foto-gruppo-maestre-1024x1024

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA