Progetto

Mascalucia, formazione della legalità attraverso i banchi di scuola

Istituto Fava n  3
10 apr 2016 - 17:04

MASCALUCIA - Avviato il progetto “ Legalità in Comune”, promosso dall’amministrazione comunale di Mascalucia in collaborazione con la giornalista Katia La Rosa, componente delle pari opportunità dell’Assostampa. L’iniziativa che coinvolgerà oltre 2700 studenti, ha avviato l’attività di formazione sui temi della legalità e sostenibilità ambientale.

«Il progettospiega il sindaco Giovanni Leonardirientra nel contesto delle attività di divulgazione sociale. Si rende pertanto necessario, diffondere, promuovere e trasmettere la politica della legalità ed il rispetto delle norme, azioni che rappresentano un sicuro investimento per le nuove generazioni. L’iniziativa costituisce un ulteriore tassello del percorso che vede già impegnate tutte le istituzioni nella creazione di una rete di salvaguardia su tutto il territorio: dall’ambiente al rispetto delle norme. In questa logica, è stato coinvolto un più ampio tessuto sociale: scuole, famiglie, associazioni, ed aziende private, per creare una sinergia che possa contribuire, attraverso una fattiva collaborazione, a garantire la tutela dell’ ambiente nel rispetto delle regole».

«Abbiamo bisogno dei nostri ragazzi, quale futura nuova generazionecontinua il vice sindaco Fabio Cantarellal’antimafia si conquista con le azioni quotidiane e non con le parole. Oggi dobbiamo imparare a distinguere il fenomeno mafioso dall’antimafia di facciata».

All’iniziativa hanno aderito tutti gli istituti scolastici di Mascalucia: Federico II di Svevia, Circolo didattico Fava, Leonardo Da Vinci, Concetto Marchesi. Il progetto, “Legalità in Comune”, si svilupperà in attività di formazione – informazione e prevederà anche un concorso per gli studenti. Gli alunni dovranno infatti cimentarsi nell’elaborazione di una campagna di comunicazione sulla legalità.

Istituto Fava n 5 2

 

Il progettochiarisce la giornalista Katia La Rosanasce come premessa socio-culturale indispensabile ad avviare negli studenti la conoscenza e la funzione delle regole nella vita sociale e sviluppare relazioni giuridiche nella consapevolezza che valori, quali la dignità, la solidarietà, la libertà vanno perseguiti ponendosi in contrasto contro ogni fenomeno di illegalità».

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA