Incontri

Denuncia, educazione e formazione: le soluzioni al bullismo e cyberbullismo

14672685_10209188867792584_1977301274_o
14 ott 2016 - 13:49

CATANIA - Continua l’impegno di Polizia di StatoQuesturaPolizia Postale e delle Comunicazioni di Catania per prevenire e arginare i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo.

il Dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni dott. Marcello La Bella, il Dirigente delle U.P.G.S.P. dott. Daniele De Girolamo e il Dirigente Scolastico Provinciale dott. Emilio Grasso hanno presentato questa mattina nella sala riunioni della Questura di Catania le attività messe in campo per educare i giovani alla legalità e al rispetto dell’”altro”.

Già da tempo, la Polizia Postale di Catania organizza incontri periodici nelle scuole della città metropolitana e della provincia per parlare ai giovani e accrescere in loro la fiducia nei confronti delle istituzioni, stimolandone il rispetto e la collaborazione. Gli incontri mirano a prevenire e contrastare nello specifico i comportamenti antisociali e il fenomeno del bullismo nelle scuole, cercando di educare i ragazzi alla denuncia e scacciando in loro la paura delle ritorsioni.

Un’attività che a breve riceverà direttive nazionali specificate nella nuova legge contro il bullismo e il cyberbullismo approvata dalla Camera dei deputati e attualmente al vaglio del Senato. 

Ma, consapevole della vastità dei fenomeni, la polizia intende da quest’anno formare adeguatamente anche gli insegnanti a riconoscere e affrontare i più piccoli segnali di allarme. Anche la nuova legge, del resto, prevede l’individuazione all’interno del corpo docenti di un referente che si occupi proprio di bullismo e cyberbullismo.

Anche sul territorio la polizia mette in campo servizi mirati a tenere sotto controllo il fenomeno del bullismo con il presidio effettuato da pattuglie del reparto a cavallo e forze dell’ordine nei luoghi maggiormente visitati dai giovani, come Piazza Stesicoro, Piazza Bellini e Villa Bellini.

marcello-la-bella

Aurora Circià



© RIPRODUZIONE RISERVATA