Premio

Catania, Mariastella Cascone medaglia d’argento alle IESO brasiliane

foto2
12 ott 2015 - 17:33

CATANIA - Maria Stella Cascone, brillante  studentessa catanese del liceo G. Galilei di Catania, ha vinto una medaglia d’argento nella 9° edizione delle Olimpiadi internazionali delle Scienze della Terra IESO (International Earth Science Olympiad), promosse  dal Geoscience Education International Organization  che si è svolta dal 14 al 20 settembre 2015 a Poços de Caldas in Brasile. Alla prestigiosa competizione hanno partecipato 23 nazioni rappresentate da 250 studenti, con età compresa tra i 15 e i 17 anni,  che dopo aver superato  in ciascun paese le diverse fasi di selezione, hanno costituito le squadre olimpioniche.

La squadra italiana era formata da quattro studenti, selezionati tra circa 20.000 allievi di tutta Italia,  che hanno vinto due medaglie di bronzo e due d’argento. Le prove che hanno dovuto affrontare sono state molto impegnative sia per l’approfondita  conoscenza degli argomenti richiesta che  per la grande capacità di ragionamento da utilizzare per mettere in relazione ambiti diversi della disciplina. La prova scritta ha interessato i  campi della litosfera, dell’idrosfera e dell’atmosfera, la Terra vista come  pianeta del sistema solare e le influenze di quest’ultimo su fenomeni naturali come le  maree e la biosfera. La prova pratica (in campagna)  ha impegnato tutti gli studenti  nella zona rurale di Poços de Caldas, compresa la cascata Véu das Noivas , dove  hanno affrontato diverse attività inerenti l’astronomia, l’idrologia, la meteorologia e la geologia: hanno misurato il flusso d’acqua in una parte del canale, hanno determinato la velocità angolare della Terra, hanno calcolato l’umidità dell’aria in ombra e al sole…

foto1

È importante mettere in evidenza che le IESO sono le uniche olimpiadi scientifiche internazionali che prevedono anche una prova pratica a squadre miste formate da studenti di diversi paesi, International Team Field Investigation, con l’obiettivo  di stimolare la cooperazione tra i giovani di diversi paesi chiamati a riflettere insieme su un fenomeno scientifico e sulla sua ricaduta nella società. In Italia tutte le fasi di selezione degli studenti sono state curate dall’ANISN (Associazione Nazionale Insegnanti Scienze Naturali) dalla elaborazione delle prove di selezione all’organizzazione delle  fasi regionale e  nazionale, compresa la settimana di preparazione residenziale intensiva della squadra olimpionica presso l’Università di Camerino e nel caso specifico della campionessa catanese  di una fase intensiva di potenziamento curata da  alcuni professori dell’Università di Catania che collaborano con la sezione dell’ANISN di Catania.

  Angela Tosto

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento