Laboratorio

Catania, alternanza scuola-lavoro: ecco Hermes Communications

Hermes
19 apr 2016 - 17:04

CATANIA - L’alternanza scuola – lavoro è la nuova attività del momento nei licei siciliani e di tutta Italia: se prima vi abbiamo parlato di Underscore, adesso ci spostiamo al liceo Principe Umberto di Savoia dove è nata un’altra impresa di comunicazione: Hermes Communications.

“Students Lab” , insieme con “I.G.S. srl – Impresa Sociale”, è il promotore del progetto che punta sui giovani liceali per inserirli nel mondo del lavoro prima della fine degli studi.

Qual è il servizio che Hermes offrirà ai suoi clienti?

Ecco il concept aziendale pubblicato sulla pagina Facebook dell’impresa: “Hermes è un’agenzia di comunicazione fatta da persone che offrono le loro capacità linguistiche, intellettive ed umane a pieno servizio dei clienti. Il nostro obiettivo è quello di lasciare il segno, di essere sempre presenti e siamo certi di poter soddisfare il nostro cliente con un servizio che si avvicini quanto più possibile alle sue esigenze. Comunicazione diretta, servizio efficiente, impegno massimo: con Hermes il cliente sarà felice al 101%. Hermes è la scelta giusta”.

Inoltre, a spiegarci come funziona il tutto, è intervenuto l’amministratore delegato Gabriele Paratore: “La nostra sarà un’azienda impegnata nel settore delle pubblic relations, Hermes è composta da ragazzi pieni di risorse ed idee innovative. È un progetto interessante che porterà ad una splendida esperienza. Intendiamo far bene e convincere, abbiamo già iniziato e non vediamo l’ora di proseguire”.

Già in funzione, oltre alle pagine Facebook, Instagram e Twitter, anche il sito web.

Hermes (1)

È quindi tanta la voglia di mettersi in gioco, competere e mettercela tutta per fare un’ottima figura alla fiera di fine anno che avrà luogo in un centro commerciale dell’ex provincia etnea e che si svolgerà, probabilmente, nel mese di giugno.

Sono sempre di più, pertanto, i ragazzi dei licei siciliani che credono nel progetto e che sono entusiasti di farne parte.

 

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA