Competizione

Alternanza scuola – lavoro, premiato il Principe Umberto

unnamed
12 ott 2016 - 16:49

CATANIA - Dai banchi di scuola al mondo del lavoro, la riforma scolastica ritiene, oggi, necessaria la formazione “professionale” dei nostri giovani già a partire dal secondo biennio della secondaria. Nel suo battesimo liceale, l’alternanza scuola-lavoro ha trovato impegno e partecipazione tra gli studenti del Liceo Principe Umberto. In questo primo anno di sperimentazione ideativa, con il supporto dell’associazione Students Lab Italia, attraverso corsi specifici di simulazione d’impresa tenuti da esperte trainer, i giovani studenti-lavoratori si sono cimentati nella creazione di mini imprese con l’uso di tecniche metodologiche quali “learning by doing”, volte a sviluppare competenze di comunicazione e di organizzazione imprenditoriale.

Biz, tech e com i tre ambiti laboriatoriali scelti dalle classi terze del Liceo in un brainstorming di idee, concretizzate in prodotti, loghi, società di comunicazioni e di creazioni eventi. La fase conclusiva di questo lavoro ha portato gli studenti alla competizione provinciale che si è svolta nei giorni 29 e 30 settembre al centro commerciale “Porte di Catania”, con la partecipazione di diverse scuole del territorio.

Numerose le mini imprese umbertine premiate: 4°A/s, 4° B/s, 4°D/s, 4°E/s, 4°F/s, 4°G/s, 4°H/s come migliori imprese, migliori team e miglior business idea selezionate tra biz, tech e com. Prossimo appuntamento a Palermo con la competizione regionale.

È stata un’esperienza stimolante per la nostra creatività che ci ha permesso sia di lavorare in team col gruppo classe, sia di acquisire competenze utili rispetto al panorama della comunicazione imprenditoriale”. Così ha commentato soddisfatto Damiano Faro (4°G/s), account di Artego l’arte di comunicare se stessi, premiata come migliore mini impresa di comunicazione. Un plauso è d’obbligo per tutti coloro che hanno creduto in questo progetto, le referenti, le trainer d’impresa, le tutor interne e soprattutto gli studenti del Principe Umberto che hanno dimostrato, ancora una volta, di saper accettare le sfide, oggi nel mondo della scuola, domani nel mondo del lavoro.

Daniela Longo

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA