Sanità

Ultime tre tappe per gli incontri di cardiologia con Corrado Tamburino

ospedale_agrigento
11 giu 2016 - 17:58

TRAPANI - Si avvia alla conclusione il progetto “focus sul trattamento percutaneo delle valvole cardiache”, la serie di corsi tenuti in tutta la Sicilia dal professor Corrado Tamburino, direttore dell’Unità U.O.C. Cardiologia con UTIC P.O. Ferrarotto Catania, e dalla sua equipe.

Dopo gli appuntamenti di Caltanissetta, Siracusa e Milazzo si chiude con una due giorni di lavoro intenso: Martedì 14 giugno alle ore 15 all’Hotel Tonnara di Bonagia di Trapani, per proseguire poi mercoledì 15 giugno alle ore 8.30 all’Ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca; sempre mercoledì 15 giugno infine alle ore 15.00, appuntamento all’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento.

Si tratta di un aggiornamento dedicato sia agli specialisti di cardiologia, sia ai medici di base. Il fulcro è l’informazione: il paziente, infatti, deve conoscere quali sono le nuove possibilità di cura di patologie che, fino a qualche tempo fa, non potevano essere affrontate con un intervento, per l’invasività di quest’ultimo soprattutto su soggetti anziani.

Il trattamento percutaneo, invece, ha rivoluzionato il modo di intendere e di intervenire in cardiologia, ma i pazienti devono essere informati e ad informarli devono essere appunto i medici di base e gli specialisti. L’obiettivo dei corsi voluti dal professor Tamburino è proprio quello di diffondere, in tutta la Sicilia, il “verbo” del trattamento percutaneo provando a capire le migliori metodologie, anche per la scelta dei pazienti.

Spazio poi all’interattività: si dibatterà di casi reali e si proverà a capire in quali situazioni si può intervenire con il trattamento percutaneo e in quali no.  Come nei primi appuntamenti, dunque, anche a Trapani, Sciacca e Agrigento  saranno confermati schema e metodologie di lavoro.

Confermate anche le tre macro-aree di interesse che saranno oggetto del dibattito: la prima sarà dedicata al Tavi (l’impianto valvolare aortico transcatetere): il professor Tamburino introdurrà la metodica, poi si passerà alla selezione dei pazienti e alla procedura d’intervento. Dopo i risultati e i follow up, si analizzeranno i casi clinici. La seconda macro-area di dibattito sarà dedicata Trattamento Percutaneo dell’Insufficienza Mitralica. Nella terza e ultima parte del corso, dedicata all’auricola, si procederà anche all’aggiornamento sugli ultimi studi clinici in materia. Alla fine del corso saranno compilati i questionari per i crediti formativi

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA