Medicina

Trattamento dell’ovaio policistico nelle adolescenti

ettore
21 ott 2016 - 06:47

Giuseppe_Ettore

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è considerata la malattia endocrina più comune nelle donne in età riproduttiva, con insorgenza in pubertà. La prevalenza è stimata in circa 6-8%, anche se con l’attuazione dei criteri Rotterdam, la prevalenza è aumentata fino al 15-25%. 

La PCOS è una malattia geneticamente determinata per tutta la vita; i sintomi iniziano dai primi anni prepuberi, l’espressione fenotipica varia nel tempo, secondo diversi fattori interni ed esterni. Le adolescenti con sindrome dell’ovaio policistico presentano acne, irsutismo, acanthosis nigricans e obesità con espressività variabile. L’insulino-resistenza e l’iperinsulinemia compensatoria sono osservabili in almeno 45-65% dei pazienti con PCOS e sembrano spesso essere correlate a una eccessiva fosforilazione del recettore dell’insulina.

Le pazienti con PCOS hanno un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, sindrome metabolica, malattia coronarica e cancro dell’endometrio. I contraccettivi orali combinati sono stati utilizzati nelle donne con PCOS per il trattamento di disturbi mestruali, acne e irsutismo. Nonostante la vasta esperienza clinica, ci sono ancora alcuni dubbi riguardanti le loro implicazioni per il sistema cardiovascolare e il metabolismo dei carboidrati. Più di recente, i farmaci insulino-sensibilizzanti sono stati proposti come trattamento a lungo termine per la PCOS. Negli ultimi dieci anni, una maggiore attenzione è stata rivolta al ruolo dell’ D-chiro- inositolo mediatore dell’insulina, oltre il Mio inositolo, componente del complesso vitaminico B, insulina sensibilizzante che riduce l’insulinemia e diminuisce il testosterone sierico, ripristinando così la funzione ovulatoria nelle donne PCOS.

In generale, la prima linea di gestione non farmacologica della sindrome dell’ovaio policistico include stile di vita equilibrato con la perdita di peso, attività fisica e nutrizione bilanciata. L’uso dei contraccettivi riduce l’irsutismo e l’acne nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico, il miglioramento è generalmente rivelato nel 60-100% dei casi dopo almeno 6 mesi di trattamento. Il mio inositolo migliora la risposta al clomifene citrato nelle donne infertili, ripristina l’ovulazione e aumenta l’insorgenza della gravidanza. Gli ultimi studi hanno dimostrato l’efficacia del mio inositolo nel miglioramento della qualità degli ovociti in cicli di fecondazione in vitro. Gli studi condotti in donne obese con sindrome dell’ovaio policistico hanno dimostrato un peggioramento della tolleranza al glucosio con la somministrazione di contraccettivi orali probabilmente a causa di una diminuzione della sensibilità all’insulina con nessun cambiamento nelle concentrazioni plasmatiche della stessa. La perdita di peso minimo di 2- 7% del peso corporeo riduce i livelli di androgeni e migliora la funzione ovulatoria in molti pazienti con sindrome dell’ovaio policistico. La somministrazione di MI è un metodo sicuro ed efficace per prevenire e correggere disturbi metabolici in adolescenti affette da PCOS.

Un trattamento simultaneo con mio inositolo e contraccettivi orali a basso dosaggio inserito in uno stile di vita equilibrato, può essere considerato un approccio altamente efficace in adolescenti affette da PCOS.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA