Iniziativa

I 50 anni del WWF a Trapani: visite guidate e birdwatching

Saline Trapani
2 lug 2016 - 11:53

TRAPANI - Il WWF, World Wide Fund for Nature, festeggia quest’anno, il 5 luglio, i suoi 50 anni a servizio della natura e si afferma come la più grande associazione a favore dell’ambiente.

Fondata nel 1961 come World Wildlife Fund, letteralmente “fondo mondiale per la vita selvatica”, su iniziativa di Julian Huxley, adottò come logo il panda gigante disegnato dal naturalista conservazionista e pittore sir Peter Scott.

Dopo la celebrazione in senato, il WWF, in Italia, decide di regalare a tutti gli amanti della natura una serie di visite guidate gratuite immersi nella natura protetta e nei preziosissimi paesaggi del nostro paese.

Da Asti a Trapani, l’iniziativa prenderà il via il 3 luglio con il nome di “E-state in oasi”, e si svolgerà ogni prima domenica del mese. Trenta le oasi aperte per il primo appuntamento, da quella alpina di Valtrigona, in Trentino, alla riserva siciliana delle Saline di Trapani.

Le visite si ripeteranno le domeniche 7 agosto, 4 settembre e 2 ottobre e l’associazione ambientalista accompagnerà i visitatori in paesaggi costieri altrove scomparsi, come quelli di Torre Guaceto e Le Cesine in Puglia, delle Dune di Tirrenia e il Lago di Burano vicino Capalbio  o del Bosco costiero di Policoro, in Basilicata.

In alternativa si potrà godere della frescura di torrenti e cascate tra cui le Gole del Sagittario in Abruzzo, Guardiaregia in Molise, le Grotte del Bussento in Campania, o ancora paesaggi suggestivi come i calanchi di Atri in provincia di Teramo.

Tre le iniziative speciali, tra cui quella alle Saline di Trapani, col nome “Inno alla vita”, in occasione di cui il WWF metterà a disposizione binocoli e cannocchiali per osservare il pullulare di vita dell’area: avocette, cavalieri d’Italia e fraticelli che allevano i piccoli mentre i fenicotteri svolgono indirettamente il ruolo di baby sitter. Si continua con la “giornata del miele” all’oasi di Valmanera, vicino Asti, dove si potrà scoprire come avviene la produzione del miele, a visitare l’apiario didattico e a degustare vari tipi di nettare. Infine, grazie al “Seawatching a Miramare”, da sabato 2 sarà possibile partecipare alle uscite guidate di seawatching che proseguiranno per tutti i sabati di luglio e agosto.

Clelia Mulà



© RIPRODUZIONE RISERVATA