Patto dei sindaci

Ferla, corsa contro il tempo della battaglia per l’ambiente

foto-1
14 gen 2015 - 17:11

FERLA - L’iniziativa del “Patto dei sindaci”, promossa dalla Commissione Europea nel 2008, dopo l’adozione del pacchetto su clima ed energia, si pone l’obiettivo di coinvolgere i comuni e i territori europei in un percorso virtuoso di sostenibilità energetica e ambientale. Si tratta di un’iniziativa a carattere volontario e impegna gli aderenti a ridurre le proprie emissioni di CO2 di almeno il 20% entro il 2020, attraverso lo sviluppo di politiche locali che aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabile e stimolino il risparmio energetico negli usi finali.

Per tradurre il loro impegno politico in strategie concrete e che possano avere riscontri sul territorio, i firmatari del Patto si impegnano a predisporre e a presentare alla Commissione Europea il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES), un documento di programmazione energetica nel quale sono delineate le azioni principali che essi intendono realizzare per raggiungere gli obiettivi assunti e sono individuati gli strumenti di attuazione e di sostegno finanziario di queste ultime.

I Comuni di Buccheri, Buscemi, Canicattini Bagni, Cassaro, Ferla, Floridia, Palazzolo Acreide, Solarino e Sortino, con deliberazione dei singoli consigli comunali, hanno deciso di costituire, un anno e mezzo fa, un’Associazione Temporanea di Scopo, denominata “Obiettivo Zero – Valle degli Iblei”, per la preparazione del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile sovra comunale, individuando il Comune di Ferla quale Ente Capofila ed aderendo nel contempo al Programma Regionale di ripartizione di risorse ai Comuni della Sicilia – DDG n. 413 del 04/10/2013 – che assegna a ciascun comune le risorse per la redazione del PAES.

A distanza di un anno e mezzo, dopo vari incontri con gli uffici regionali, la partecipazione attiva ai dibattiti pubblici organizzati dalla stessa Regione, definito il percorso con i membri dell’ATS, attivate tutte le procedure ed aggiudicato – alla società Ambiente Italia – l’appalto per la redazione del PAES si è arrivati finalmente, il 7 gennaio scorso, nella sala consiliare del Comune di Canicattini Bagni, all’approvazione, da parte dell’ATS, del Bilancio Energetico e, il 12 gennaio nell’Auditorium Comunale del Comune di Ferla del PAES congiunto.

Il bilancio energetico rappresenta la fotografia delle emissioni di CO2 nel nostro territorio al 2011 (baseline di partenza richiesta dalla Regione), mentre il piano contiene oltre alle analisi del territorio sovra comunale estese all’anno 2014, le azioni che i 9 comuni intendono attuare entro il 2020 per ridurre le emissioni.

La strategia d’azione – afferma Claudia Faraci, assessore del Comune di Floridia e vice presidente dell’ATS - ha preso le mosse dall’individuazione delle tendenze in atto, con l’obiettivo di ampliarle e rafforzarle e per questo motivo ha ritenuto strategico porre particolare attenzione all’interesse verso l’utilizzo di biomassa, verso la diffusione di impianti solari termici, all’utilizzo di pompe di calore. La strategia è identificata da quattro principali filoni di azione: settore della residenza, settore del terziario pubblico, settore dei trasporti, fonti energetiche rinnovabili”.

Tra le azioni previste abbiamo previsto – afferma il sindaco di Ferla nella qualità di presidente dell’ATS, Michelangelo Giansiracusa - lo Sportello Energia itinerante fra i nove Comuni dell’ATS, luogo di incontro, confronto e consulenza dedicata al privato e ai tecnici in cui dovranno essere fornite informazioni su tecnologie e sistemi di incentivo, procedure autorizzative e vincoli. L’insieme delle azioni di piano garantirà una riduzione pari al 21% circa, ossia pari a poco più di 16.000 tonnellate di CO2. Le riduzioni complessive sono state valutate, in linea con le indicazioni tecniche dell’Unione Europea, escludendo il comparto produttivo”.

Diverse le consultazioni pubbliche organizzate, in questi ultimi mesi, dalla Società Ambiente Italia finalizzate alla condivisione del Bilancio energetico e delle azioni previste nel PAES con cittadini, tecnici e stake holders del territorio: il 1° dicembre 2014 nella sala consiliare del Comune di Palazzolo Acreide; il 22 dicembre nell’auditorium del Centro Servizi del Comune di Floridia con le imprese locali, con i tecnici e con le associazioni di categoria.

Attivata anche la formazione tecnica dei dipendenti pubblici dei comuni dell’ATS “Obiettivo Zero – Valle degli Iblei” con diversi appuntamenti nel mese di dicembre e di gennaio. Infine, l’attività di comunicazione, informazione e formazione dei cittadini in corso nei 9 Comuni dell’ATS “Obiettivo Zero – Valle degli Iblei”, cui seguirà la costituzione dello sportello energia intercomunale, la realizzazione di laboratori didattici itineranti e una istallazione permanente di componenti edilizi e di impiantistica legata all’efficientamento energetico.

Il Bilancio Energetico ed il PAES sono stati presentati il 12 gennaio nell’auditorium del Comune di Ferla ai presidenti e consiglieri comunali dei nove comuni.

Spetta a loro, adesso, l’approvazione definitiva del PAES in consiglio comunale che dovrà avvenire entro il 22 gennaio 2015 per consentire al Comune Capofila, unitamente alla Società Ambiente Italia, di inviare tutta la documentazione entro il 31 gennaio 2015 termine ultimo per la trasmissione.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento