Lilt

Nuovo corso di formazione per i volontari in oncologia

lilt_corso_formazione_05_2017_03
8 mag 2017 - 17:06

CATANIA - Si è svolto sabato 6 maggio, nel Dipartimento di Scienze Biomediche e Biotecnologiche, Torre Biologica “Ferdinando Latteri” dell’Università degli Studi di Catania, il corso di formazione della Lega Italiana per la Lotta contro i tumori per i volontari dell’associazione.

Presenti coloro che hanno “abbracciato” la Lilt negli ultimi mesi, per i quali si è trattato di un primo approccio d’aula con la materia oncologica e con tutto ciò che ruota attorno ad essa, e i volontari attivi da tempo per i quali l’incontro è stato un momento di aggiornamento.

A dare il benvenuto il presidente della Lilt di Catania Carlo Romano, che nel suo intervento ha sottolineato il valore del volontariato, in particolare nell’ambito della malattia tumorale. Gli aspetti bioetici in oncologia sono stati al centro dell’intervento di Padre Antonino Sapuppo, mentre il professore Massimo Libra ha parlato dei fattori di rischio e dello sviluppo dei tumori. Gli aspetti legati alla prevenzione primaria, che riguarda gli stili e le abitudini di vita, sono stati al centro dell’intervento del chirurgo Francesco Pisani. In seguito, la ginecologa Aurora Scalisi, vicepresidente della Lilt, è intervenuta sulla prevenzione secondaria e sugli screening oncologici.

L’attività della Lilt sul territorio è stato l’argomento della relazione di Gino Asero, coordinatore delle delegazioni della provincia, mentre la psicologa Grazia Maria Villari ha parlato dell’impatto psicologico a seguito di diagnosi di tumore. Infine, il responsabile del volontariato per la Lilt di Catania, Claudia Doria, ha illustrato l’attività dei volontari nei reparti oncologici.

“La Lilt è l’unica associazione che si fonda e si sostiene attraverso i soci ed i volontari che diventano una parte attiva e consistente – dichiara il presidente della Lilt di Catania Carlo Romano –. Il volontariato è essenziale e necessario perché trattiamo l’utente che ha bisogno non soltanto di teoria, ma anche di pratica e di assistenza, in particolare i malati terminali. Come Lilt di Catania abbiamo un numero consistente di volontari che abbiamo il dovere di formare e, aggiungo, sono gli stessi volontari che lo richiedono, trasmettendo conoscenze utili e necessarie per l’attività che svolgeranno, atto doveroso nei confronti della società”.

lilt_corso_formazione_05_2017_01

“Partendo dal presupposto che il volontariato è un’azione complessa non legata solo alla buona volontà, ma anche alla conoscenza di percorsi e procedure che vengono utilizzati in sanità – aggiunge la vicepresidente Aurora Scalisi – cerchiamo di trasmettere ai volontari una preparazione di base sugli screening di prevenzione oncologica, sul supporto ai pazienti oncologici, sull’attività in hospice, sulle attività ricreative, per dare una preparazione utile all’opera che andranno a svolgere. La Lilt promuoverà incontri frequenti per i volontari che, vista anche la partecipazione attenta e attiva, possano essere non soltanto formazione, ma anche scambio culturale fra pari”.

Infine, Claudia Doria, responsabile del volontariato, ha spiegato come si diventa volontario della Lilt. Tutti possono farlo, basta contattare l’associazione tramite telefono, sito internet o social e fissare un primo colloquio con la psicoterapeuta. In seguito verrà affiancato dai volontari già esperti che gli indicheranno cosa fare fino a che il nuovo arrivato non potrà seguire il corso di formazione come quello di oggi.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA