Progetti

Cervelli in fuga fanno rotta verso Sud per proseguire le attività di ricerca

ricerca scientifica
17 mag 2016 - 12:03

SICILIA - Ci sono tre giovani siciliani tra i cervelli in fuga che dall’estero rientreranno nella loro terra per proseguire l’attività di ricerca. In totale undici i progetti di ricerca applicata selezionati dalla Fondazione con il Sud che riceveranno un finanziamento privato a fondo perduto pari a 3,36 milioni di euro per attività da realizzarsi presso i dipartimenti universitari e i centri di ricerca di Napoli, Salerno, Lecce, Cosenza, Catanzaro, Trapani e Catania.

Il bando “Brains2South“, promosso dalla Fondazione con il Sud, quest’anno ha deciso di sostenere progetti in ambito biomedico, agroalimentare, ambientale e fotonico. I vincitori della quarta edizione del bando sono cinque giovani uomini e sei giovani donne di nazionalità italiana e straniera. Tra i fortunati, ci sono tre siciliani: Vincenzo Giambra, che dalla British Columbia Cancer Agency di Vancouver (Canada), rientrerà per proseguire la sua ricerca all’Università di Catania; Valentina Lauria, che dalla Plymouth University (Regno Unito) tornerà in Sicilia presso l’Istituto per l’Ambiente Marino del CNR di Mazara del Vallo; e Nunzio Iraci, che dalla Cambridge University (Regno Unito), farà rotta verso Sud per svolgere la  sua attività di ricercatore all’Università di Catania.

“Siamo molto soddisfatti – ha commentato Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione con il Sud – per l’elevata qualità delle proposte pervenute e per il grado di applicabilità e impatto delle ricerche perché diamo un’opportunità ai talenti e alle università del Sud e perché lanciamo un segnale importante al mondo della ricerca scientifica per una maggiore innovazione sociale. L’unico rammarico è che su 100 proposte pervenute, soltanto 34 sono state valutate positivamente e solo 11 sono state finanziate. Questo, secondo Borgomeo, dimostra che “esiste una grande domanda e un enorme potenziale di cui le politiche di sviluppo dovrebbero tener conto”.

Rosita Cipolla



© RIPRODUZIONE RISERVATA