Medicina

Autonomia prescrittiva, giudici e medici a confronto

20161003_110206
12 ott 2016 - 06:20

Amato foto completa

Alla luce dell’introduzione nel mercato dei biosimilari e dell’orientamento consolidato delle Regioni di utilizzare farmaci più economici per contenere la spesa farmaceutica, si apre uno scenario nella sanità pubblica che lede la libertà prescrittiva dei medici, nonché la continuità terapeutica dei pazienti. Sul tema dell’“Autonomia prescrittiva” e dell’incidenza delle direttive regionali sulle responsabilità dei medici, chiamati alla scelta tra farmaco originatore, biologico o bio similare, nella sede del Tar di Palermo, si è svolto un lungo dibattito alla presenza di medici e giuristi.

Hanno partecipato il presidente del Tribunale amministrativo Calogero Ferlisi, accompagnato da Solveig Cogliani, presidente della III sezione; il direttore dell’Unità operativa di Endocrinologia pediatrica dell’Azienda ospedaliera Cervello Piernicola Garofalo; e Paolo Scollo, direttore della divisione di Ostetricia e ginecologia dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro di Catania.

Privilegiando la strada della farmoeconomia, le Regioni hanno deliberato per l’impiego dei biosimilari, destinandoli in particolare ai pazienti Drug Naive (pazienti trattati per la prima volta), lasciando un margine all’utilizzo degli originator qualora fossero necessari alla continuità terapeutica. Secondo queste disposizioni il medico, oltre a dovere impiegare una certa quota di biosimilari, si ritroverà a dovere giustificare l’eventuale sostituzione con un farmaco originatore solo perché costa di più. “Evitare che la salute diventi business”, ha precisato il presidente Ferlisi introducendo il dibattito, richiamando poi le diverse sentenze che hanno già confinato i provvedimenti regionali come semplici atti programmatori senza alcuna rilevanza sul medico prescrittore.

La Cassazione – ha detto ancora Ferlisi – ha già chiarito in più sentenze il principio costituzionale dell’autonomia del medico, stabilendo che solo a lui spetta la scelta della terapia da seguire”. Sullo sfondo, l’industria farmaceutica, la libera concorrenza e le modalità della messa al bando degli equivalenti e biosimilari insieme o separatamente agli originatori. “Che s’intrecciano con i dubbi per l’acquisizione di farmaci e macchinari - ha evidenziato Solveig Cogliani -. Sono questioni di alto profilo di specialità e i giudici amministrativi saranno chiamati a pronunciarsi anche alla luce del nuovo codice degli appalti, esaminando aspetti complessi che incidono sul diritto soggettivo della tutela della salute e la complessità della sanità pubblica, dove entrano in gioco altri interessi”.

Giusta la libera concorrenza purché si concorra anche sulla qualità non solo sull’economicità. I biosimilari sono una risorsa che può determinare buone economie, ma i risparmi ottenuti dovrebbero essere finalizzati alla ricerca. In ogni caso, il loro utilizzo non può essere imposto”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA