Sanità

Arriva la “pet therapy” all’Ospedale dei Bambini di Palermo

cane
3 mag 2016 - 11:40

PALERMO - Che il cane sia il migliore amico dell’uomo è cosa già nota, ma se riuscisse ad affiancarlo e aiutarlo anche durante una terapia? Dal 4 maggio, a Palermo, i piccoli pazienti potranno interagire con gli amici animali all’interno dell’Ospedale dei Bambini di Palermo.

La “pet therapy” si basa sull’interazione tra uomo ed animale e adesso anche i bambini dell’Ospedale di Palermo potranno trarne benefici: sembra infatti che questa terapia riesca non solo a favorire il buon umore ma anche ad aiutare i pazienti a reagire meglio ai trattamenti.

I bambini potranno assistere ad alcuni esercizi svolti dal cane come per esempio il lancio e riporto della pallina o la ricerca del cibo, su loro stessa richiesta. 

Ma non finisce qui: come spiega la pedagogista Isabella Alioto, responsabile del progetto “si potrà interagire anche con animali di piccola taglia come conigli e porcellini d’india. Più in là saranno portati anche dei pony nei giardini dell’ospedale”. 

L’appuntamento sarà due mercoledì al mese, dalle 11 alle 13, nell’atrio all’interno del padiglione centrale. La professoressa Alioto non sarà sola: con lei è prevista una èquipe di volontari composta dal veterinario Giampiero Spinnato, dal coadiutore del progetto e responsabile del trasporto animali Salvatore Cracolici, dall’addestratore cinofilo Gabriele Impiccichè e da Alessandra Alfano e Valentina di Bartolo, assistenti alla Pet.

Questo è solo uno dei primi progetti dell’ospedale di Palermo volti a migliorare il benessere dei più piccoli: infatti, come ha affermato Maria Lucia Furnari, dirigente medico dell’ospedale, “La Pet Therapy rientra in una serie di attività ludico-ricreative che abbiamo intrapreso all’Ospedale dei bambini. Rientra proprio tra queste iniziative il secondo appuntamento con i ragazzi del Conservatorio che suoneranno e canteranno in corsia“.

Martina Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA