Traguardo

All’Ismett di Palermo 1.000 trapianti di fegato

trapianto
19 gen 2016 - 12:45

PALERMO - Il primo risale al 31 Luglio del 1999 e da allora ne sono stati eseguiti altri 999 per un totale di 1.000.

Stiamo parlando di trapianti di fegato. Oggi l’Ismett di Palermo, infatti, spegne 1.000 candeline e festeggia l’ennesimo trapianto operato dalla struttura sanitaria siciliana.

863 trapianti da donatore cadavere, 116 da vivente e 21 combinati per un totale di 1.000 trapianti, 119 dei quali sono pediatrici.

“L’importante traguardo dei mille trapianti di fegato e la qualità dei risultati raggiunti da Ismett rappresentano un altro dei molti prodotti d’eccellenza dell’innovativo partenariato tra la Regione siciliana e l’University of Pittsburgh Medical Center – afferma Bruno Gridelli, direttore di Ismett – continueremo a lavorare per offrire le migliori cure possibili ai nostri pazienti in attesa di trapianto di fegato. Tra gli obiettivi – prosegue Gridelli - potenziare il programma di trapianto da vivente in adulti e bambini, implementare procedure sempre meno invasive, possibilmente con l’uso della robotica, per il prelievo da vivente e metodiche di ricondizionamento del fegato prelevato da donatori marginali. In questo modo, contiamo di ampliare l’accesso a questa terapia salva vita”.

Resta, purtroppo, una netta disparità tra necessità e disponibilità di organi e proprio per questa ragione all’iterno dell’Ismett vengono utilizzate tutte le tecniche che consentono di ridurre il disagio come, ad esempio, lo “split liver” che permette il trapianto a due soggetti di un solo organo.

Secondo Ugo Palazzo, direttore sanitario “si è confermata vincente la lungimiranza di quanti capirono la bontà di questo progetto, unica soluzione per evitare che l’aeroporto di Punta Raisi continuasse ad essere la sola speranza per questi pazienti”.

Commenti

commenti

Marco Bua



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento