Alimentazione

La zucchina: storia, proprietà ed effetti benefici

28 ott 2014 - 11:31

•Originaria dell’Asia meridionale e dell’America centrale (Messico), la zucchina (Cucurbita pepo L.) iniziò a diffondersi in Europa nel XVI secolo ed oggi è coltivata in tutti i continenti e appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae;

•Nel nostro paese, la coltivazione della zucchina interessa una superficie di oltre 10.000 ettari, da cui si ottiene una produzione pari a circa 350.000 tonnellate.

•Le regioni più importanti per questo ortaggio sono Sicilia (da cui proviene il 19% del raccolto nazionale), Lazio (18%), Puglia (10%), Veneto (7%), Campania (6%), Calabria (5%), Emilia-Romagna (4%) e Lombardia (3,5%).

zucchine1

•Presenta 12kcal/100gr e un contenuto di acqua del 93,6%;
•Ottima fonte di fibre;
•Povera di Na (rapporto Na/K alterato porta ad uno squilibrio idrico dell’organismo);
•Sali minerali: K, Ca, Fe, P, Mg, Mn, Cu e Se;
•Vitamine: A, B1, B2, B3, B5, B6, C ed E;
•Tra gli amminoacidi troviamo: acido glutammico ed aspartico, arginina, alanina, cisteina, glicina, fenilalanina, leucina, isoleucina, lisina, valina, triptofano, prolina, metionina, serina, tirosina e treonina;
•Contiene carotenoidi (xantofille)tra i quali luteina e zeaxantina.

zucchine

•Proprietà rinfrescanti, diuretiche, anti-infiammatorie e leggermente lassative;
•La Vitamina A, C e i carotenoidi contenuti:
1) Cooperano per esercitare un’importante attività antitumorale;
2) Astenie;
3) Infiammazione urinaria;
4) Patologie cardiache;
5) Diabete;
6) Stipsi;
7) Dispepsie;
8) Invecchiamento cutaneo.

•La luteina e la zeaxantina (xantofille) contenute possiedono:
1) Azione anti-arteriosclerotica;
2) Antinfiammatoria
3) Proteggono la retina dalla degenerazione dovuta all’invecchiamento e allo stress.

Inoltre:

•200 gr di zucchine coprono ½ del fabbisogno quotidiano;
•Le vitamina E e B contribuiscono a:
1) Efficienza del sistema nervoso;
2) Conservazione dei tessuti.

•La Vitamina A:
1) Protegge i tessuti cellulari;
2) La carenza è un fattore di rischio per patologie cutanee che debilitano la struttura dell’epidermide; si riscontra una particolare carenza nei fumatori.

•L’intreccio dei componenti lavora per aiutare a proteggere l’organismo da patologie cardiache, in quanto aumentano la capacità del sistema vascolare di eliminare composti nocivi che possono compromettere il flusso (ictus, ipertensione, diabete, patologie cronico-degenerative).

NB: cruda non è consigliabile a chi soffre di problematiche gastro-enteriche e sindrome del colon irritabile!

Commenti

commenti

Anna Roccaro



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento