Campagna

“Sì, lo voglio”, vip pro e contro unioni civili tra omosessuali

luca argentero
23 gen 2016 - 12:58

Il 28 gennaio, data in cui al Senato si aprirà il dibattito sul disegno di legge per le Unioni Civili, è alle porte. 

A sostegno del ddl Cirinnà scendono anche alcuni vip del mondo dello spettacolo con la campagna “Sì, lo voglio”. 

Il video in cui, attori, cantanti e anche gente comune, viene pronunciata la fatidica frase nuziale, è diventato virale nel web. A partire da Luca Argentero, Alessandro Roja, Claudio Santamaria, Tatiana Lepore e Carlotta Natoli, Lucia Mascino e Giulia Bevilacqua e ancora Giorgia, Emma Marrone, Chiara Civello e Giovanni Caccamo. 

Questi e tanti altri, come la campionessa di volley Valentina Arrighetti, quella di snowboard Arianna Cau e la scrittrice Michela Murgia, sostengono l’approvazione di questa legge per un paese in cui, l’amore, deve vincere sulle discriminazioni e sul sesso.

“Un Paese che non riconosce i desideri di tutti coloro che lo abitano è un Paese incivile - si legge nel testo che accompagna il video postato su Youtube -. Un Paese che non rispetta le scelte di vita dei suoi cittadini, che fa finta di non vedere, che mette veti all’amore, che Paese è?”.

Se da un lato, però, c’è chi si sta imbattendo a favore delle Unioni, dall’altro c’è chi, invece, si scaglia contro. 

Stamani, per esempio, a lanciare il primo messaggio a sfavore è stato Vittorio Sgarbi che, sulla sua pagina Facebook, si è così pronunciato: La famiglia è un padre e una madre. E una madre non può essere uno con la barba o i baffi”. 

Intanto, tra polemiche e polveroni, si attende il fatidico 28 gennaio per sapere la decisione definitiva del Senato. Vincerà l’amore o i pregiudizi? 

Rossana Nicolosi



© RIPRODUZIONE RISERVATA