Cucina

“Rame di Napoli”, dalla tradizione alla tavola: la ricetta dei dolci della “Festa dei Defunti”

rame-di-napoli-2
27 ott 2016 - 11:55

Con l’arrivo della festa dei defunti non possono mancare, nelle tavole dei siciliani, le famose “Rame di Napoli”. 

Il termine risale ad oltre 200 anni fa quando, nel periodo del Regno delle due Sicilie, i borbonici, in seguito all’incorporamento della Sicilia al Regno di Napoli, coniarono una nuova moneta fatta di rame che sostituiva le monete in oro e in argento. 

Nello specifico i catanesi, in onore del nuovo regno, crearono a loro volta la versione dolciaria della nuova moneta. 

Il dolce, ricavato da elementi “poveri”, è fatto con gli scarti e i ritagli di altri dolci, proprio come la moneta che nasceva da leghe più “semplici”. 

Gustose e semplici da preparare… ecco la ricetta per le “Rame di Napoli”.

Gli ingredienti sono: 

  • 500 g di farina 00;
  • 300 g di latte;
  • 200 g di zucchero;
  • 100 g di cacao amaro;
  • 100 g di margarina;
  • 2 cucchiai di miele;
  • una bustina di lievito;
  • scorza di un’arancia grattugiata;
  • un cucchiaio di cannella in polvere;
  • un cucchiaino di chiodi di garofano macinati.

Per guarnire, invece, bastano:

  • 300 g di cioccolato fondente;
  • 100 g di margarina;
  • pistacchi tritati non salati.

Il procedimento richiede circa 30 minuti di cottura. 

Versate in una terrina lo zucchero, il lievito, la scorza d’arancia grattugiata, il cacao amaro, i due cucchiai di miele e la margarina precedentemente sciolta a bagnomaria e cominciate ad amalgamare, aggiungendo poco alla volta la farina setacciata e il latte, fino al punto di ottenere un composto dalla consistenza omogenea, liscia e cremosa ma non troppo appiccicoso.

Disponete l’impasto a cucchiaiate dalla forma ovale su una teglia rivestita con carta forno, avendo cura che tra una rama e l’altra vi sia una distanza di almeno 3 cm. Mettete la teglia in forno preriscaldato a 180 °C. Trascorso il tempo necessario (5-10 minuti circa) aspettate che le vostre rame lievitino e abbiano una consistenza poco più dura di quella del pan di Spagna.

Sfornate e lasciatele raffreddare a temperatura ambiente.

Nel frattempo, preparate la glassa facendo fondere a bagnomaria la margarina e il cioccolato fondente. Mescolate bene l’amalgama e lasciatela intiepidire un pò.

A questo punto, immergete nella glassa la parte superiore delle Rame di Napoli ormai fredde, guarnitele con la granella di pistacchi e lasciate indurire la glassa di cioccolato prima di servire.

Buon appetito!

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA