Musica

Paola Iezzi e il dolore per la separazione dalla sorella Chiara

Paola-Iezzi
2 lug 2016 - 17:10

“Quando mi sono separata da Chiara, dopo vent’anni di carriera musicale, non ho chiuso solo una storia ma la mia vita: è stata dura, come chiudere un matrimonio”, esordisce così, in una lunga intervista per Vanity Fair, la cantante Paola Iezzi

“Chiunque abbia divorziato sa di cosa parlo: una parte di te si sente fallita, perduta. Devi ricominciare daccapo, e ti viene il panico. Sono stata a lungo in analisi, una cosa che consiglio a tutte le persone che affrontano distacchi importanti: bisogna curare quel dolore, e gli amici non bastano. Spesso le persone amano cullarsi in un malessere che dà l’illusione che nulla sia cambiato. Ma se non fai niente, niente può succedere”.

Il distacco da Chiara non è avvenuto soltanto per la carriera di Paola. Secondo quanto raccontato da quest’ultima, dietro ci sarebbero dei continui litigi con la sorella.

La situazione, tra le due, è diversa dall’inizio: non si parlano quasi più e si sentono raramente. 

“Siamo adulte, ognuna con una famiglia propria, lei è sposata e non vive in Italia. Ogni tanto ci aggiorniamo, più spesso via mail. Abbiamo condiviso talmente tanto che è arrivato il momento di un naturale distacco. Fino alle medie eravamo super attaccate, poi, prima di riunirci per la musica, le nostre strade si sono divise, ognuna con i suoi amici… Oggi è come allora. C’è la voglia di sperimentare noi stesse per come siamo. Senza più essere una lo specchio dell’altra”.

Rossana Nicolosi



© RIPRODUZIONE RISERVATA