Oggi vi presento...

Nel blu dipinto di blu…

hqdefault
15 gen 2017 - 06:26

“Credo che un sogno cosi non ritorni mai più, mi dipingevo le mani e la faccia di blu…”. La riconoscete? È solo l’incipit di una delle più belle canzoni in italia e nel mondo. Reinterpretatata nel corso degli anni da diversi artisti come Adriano Celentano, Al Bano, Andrea Bocelli, persino David Bowie che hanno cercato di lasciare le loro orme nella sabbia attraverso questa splendida opera musicale. Ma uno e uno solo è il vero interprete, il vero poeta, l’unico capace di dare emozioni ad ogni nota musicale a distanza di quasi 60 anni dalla sua nascita e in grado di farci veramente sognare: DOMENICO MODUGNO.

Considerato uno degli artisti di maggiore successo italiano, vince il Festival di Sanremo nel 1958 col brano NEL BLU DIPINTO DI BLU, ribattezzata poi dal popolo italiano come “VOLARE“.

Modugno nasce il 09-01-1928 a Polignano a Mare. Grazie al padre che gli trasmette la passione, imparerà presto chitarra e fisarmonica esibendosi nelle feste di paese e conquistando il titolo di “FIMMINARO” (sciupafemmine) per via del suo aspetto fisico e per le sue doti artistiche straordinarie. Debutterà anche in teatro, prima a Torino e poi a Roma dove si stabilirà incontrando quella che poi diventerà sua moglie: un’aspirante attrice siciliana, Franca Gandolfi.

La musica gli aprirà le porte anche alla conduzione radiofonica. Infatti, condurrà “AMURI… AMURI..” nel 1953 in cui interpreterà in ogni puntata una sua canzone. Tanti i successi: LA DONNA RICCIA, LA SVEGLIETTA, U PISCI SPADA, VECCHIO FRAC, IO MAMMATE E TU, RESTA CU ME.

Inciderà CIAO CIAO BAMBINA, brano ispirato dall’addio di due fidanzati sotto la pioggia, vincendo il festival di Sanremo nel 1959. Arriverà anche un altra vittoria al festival di Sanremo col brano DIO COME TI AMO insieme a Gigliola Cinquetti. Nel 1968 il brano “MERAVIGLIOSO” venne scartato perché non capito immediatamente. Lo stesso Renzo Arbore che si adoperò per l’eliminazione, ne ammetterà l’errore, confessando che MERAVIGLIOSO sarà una delle sue canzoni preferite.

Molti non sanno che Domenico Modugno si interessò anche alla politica. Infatti nel 1970 aveva simpatizzato con il partito socialista italiano, donando addirittura i diritti d’autore della canzone L’ANNIVERSARIO per il referendum sull’abrogazione della legge che aveva introdotto il divorzio. Fu anche consigliere comunale ad Agrigento. Ci lascerà il 06 agosto del 1994 nella sua casa a Lampedusa stroncato da un infarto.

La sua assenza è solo materiale, fisica perché ad oggi e a distanza di anni si continua a celebrare un MITO dal nome Domenico Modugno che mai vedrà il chiudersi di un sipario.

Barbara Gricoli

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento