Intervista

Fabrizio Corona resta in carcere. Parla la madre: “Mio figlio ha distrutto le nostre vite”

Fabrizio Corona
31 ott 2016 - 18:52

L’ex re dei paparazzi, Fabrizio Corona, tornato in carcere lo scorso 10 ottobre, arrestato insieme alla sua manager Francesca Persi per intestazione fittizia di beni, si trova adesso rinchiuso nel carcere di San Vittore in attesa della richiesta di revoca dell’ordinanza di custodia cautelare che il tribunale del Riesame sta ancora valutando. 

A parlare a cuore aperto, è la mamma di Fabrizio Corona, Gabriella: “Fabrizio ha distrutto le nostre vite”.

Fabrizio Corona e la madre

“Ha fatto tanti errori e ha distrutto la sua vita e in parte anche la mia”, ha affermato.

Distrutta, amareggiata, Gabriella Corona, si sfoga con i giornalisti: “Io credo a mio figlio. Ha commesso errori molto importanti, si è distrutto la vita, ha distrutto anche in parte la mia vita. La speranza è che possa cambiare un po’ la testa, ma mio figlio non è un criminale. I criminali sono altri. Di errori e di reati ne ha commessi, lo so. Ma questa custodia cautelare, da quanto mi dicono gli avvocati, è esagerata”.

E ancora: “Il carcere non gli giova. Mio figlio ha problemi psicologici, li ha molto gravi da tempo, lo dico. Ha bisogno di essere seguito e curato e mi auguro che questo aspetto possa migliorare. Fabrizio ha la testa un po’ matta. Ma quando fa le cose, non se ne rende bene conto, non è uno che a tavolino commette errori o reati, purtroppo la testa ce l’ha un po’ così. Io lo giustificherò sempre, perché sono sua madre”.

Intanto, Ivan Chiesa, legale di Corona, ha raccontato delle parole dette da Fabrizio ai giudici: “Non sono un criminale. Sono un lavoratore forsennato e non ho mai percepito un euro in modo illecito. L’unica persona a cui chiedo scusa è il magistrato di sorveglianza Giovanna Di Rosa a cui ho mancato di rispetto”.

E chissà come andrà a finire per l’ex re dei paparazzi che stava cercando di rimettere in sesto la sua vita, forse, non nel migliore dei modi. 

Rossana Nicolosi



© RIPRODUZIONE RISERVATA