Intervista

Emanuele Filiberto cambia vita: da principe a venditore ambulante

Emanuele Filiberto, Prince of Venice and
5 lug 2016 - 18:49

È stato intervistato per il settimanale “Chi”, Emanuele Filiberto di Savoia ha aperto il suo cuore raccontando il cambio di vita: da principe a venditore ambulante.

“Sei mesi fa sono venuto a Los Angeles per un evento e mi sono accorto che c’erano in giro tanti furgoni che vendevano cibo messicano e orientale. Erano belli, colorati e affollatissimi. Ho notato che non ce n’era però nessuno che vendesse pasta italiana. Così ho progettato e fatto realizzare un camioncino dove posso preparare pasta fresca e poi cucinarla con i sughi della nostra tradizione. Così è nata la mia nuova iniziativa che ho ribattezzato “Prince of Venice”, principe di Venezia, il titolo nobiliare che mi ha dato alla nascita mio nonno, re Umberto I”.

La decisione è arrivata subito dopo il trasferimento a Los Angeles: “Mi hanno già invitato a uno show televisivo simile al nostro Unomattina. In realtà il mio progetto è ambizioso: voglio dare vita a un marchio di riferimento del settore fast food gourmet della pasta fresca – continua Emanuele Filiberto -. A settembre metterò in strada altri due furgoni. L’olio e la farina li prendo in Italia, ma i pomodori, il basilico e la verdura me li procuro sul posto a km zero. Gli americani, soprattutto a pranzo, non vogliono andare al ristorante, vogliono mangiare in modo rapido e consumare il pasto magari su una panchina, in un parco. Io offro loro un prodotto di qualità degno dei migliori locali italiani di Los Angeles dove un primo costerebbe 30/35 dollari. Io per 15 dollari propongo fettuccine fresche scampi e vongole e per 16 le linguine ai tartufi. Ho accanto a me in questa avventura uno chef di rango: Mirko Paderno che ha lavorato all’Avalon a Beverly Hills”.

Rossana Nicolosi



© RIPRODUZIONE RISERVATA