Curiosità dal Web

Un peto di troppo gli costa l’espulsione durante la partita

calciatore
6 lug 2016 - 18:12

Un giocatore del campionato svedese si è trovato al centro di una curiosa vicenda qualche giorno fa: Adam Lindin Ljungkvist, del Pershagen SK, ha ricevuto dall’arbitro due cartellini gialli, venendo quindi espulso, per avere scoreggiato durante una partita del campionato svedese.

Secondo quanto annunciato dal sito Notizie dal mondo, l’arbitro ha giudicato le flatulenze del giocatore “antisportive”, e la spiegazione che si dà Ljungkvist è che abbia pensato che stesse cercando di scoreggiare addosso a qualcun altro. “Sono rimasto scioccato quando mi hanno espulso. Quando l’ho detto alla panchina nessuno ci credeva che avessi avuto un cartellino rosso per una scoreggia”, ha dichiarato il giocatore ai giornalisti. 

Apparentemente il peto di Ljungkvist è stato particolarmente rumoroso, tanto da essere sentito da buona parte dei giocatori in campo. Un giocatore della squadra avversaria, lo Jarna, ha raccontato la sua versione dei fatti: “Ero ad una certa distanza, ma ho sentito la scoreggia forte e chiara. L’espulsione è la cosa più strana che abbia visto in un campo di calcio, e gioco da quando avevo otto anni”. 

Ljungkvist assicura comunque che il suo non voleva essere un gesto di disprezzo agli avversari o all’arbitro, ma che semplicemente aveva mal di pancia e cercava un po’ di sollievo.

In ogni modo, la storia ha avuto un risvolto decisamente positivo per il giocatore che, pur per meriti insoliti, è diventato una celebrità internazionale.

Rossana Nicolosi



© RIPRODUZIONE RISERVATA