Televisione

“Braccialetti Rossi 3″: la morte di Nina. Tra lacrime e malinconia…

braccialetti rossi 3
21 nov 2016 - 18:50

Non c’era riuscito un terribile tumore al seno a spegnerla ed è bastato, invece, un tuffo troppo giù nel mare a farle sbattere la testa in una roccia procurandole una forte emorragia cerebrale che non le ha lasciato scampo. 

Serata di lacrime, ieri su Rai Uno, in occasione della puntata di “Braccialetti Rossi 3″ che ha visto uscire di scena una delle protagoniste di questa nuova stagione. 

Stiamo parlando di Nina, l’amante dell’astrologia e delle stelle che ha deciso di tuffarsi nel mare dell’isola per salvare Cris, colta da un malore. Un tuffo che le è costato la vita e che l’ha catapultata nella piscina: una sorta di limbo, un passaggio tra la vita e la morte. È proprio lì che Nina incontra e conosce Davide, un ex componente dei braccialetti. 

Grazie al suo aiuto, Nina decide di mettere in salvo Bobo, affetto da una grave malattia al cuore e che, proprio grazie al cuore dell’amica, riuscirà a sopravvivere. 

La ragazza dagli occhi blu come il cielo, lo stesso cielo che studiava ed amava, ha deciso di donare il suo cuore pieno di vita all’amico… con cui, prima di partire per l’isola, ci fu anche un bacio. 

Tanta la disperazione dei genitori e tante le lacrime che i milioni di spettatori hanno versato. 

Una serie, questa, come le precedenti, che non lascia spazio alle risate. Lacrime, pensieri e malinconia affliggono i telespettatori che, puntata dopo puntata, si immedesimano nelle storie dei personaggi: da Leo, a Cris, a Vale, a Flam… tutti, con i loro perchè, emozionano.

La serie è stata ideata da Espinosa che, in prima persona, ha vissuto una delle malattie più comuni dei giorni nostri e che, nella maggior parte dei casi, non lascia spazio alla sopravvivenza. 

“Ogni perdita è una conquista”: è questo lo spirito con il quale i braccialetti affrontano la quotidianità. Perchè quando sei colpito da una malattia terminale non sai mai fino a che punto può andarti bene. 

Nessuno decide mai la propria sorte… ma forse, un disegno divino inspiegabile, decide di toglierci qualcosa per darci la possibilità di creare qualcosa di migliore. 

Ma chi può spiegare tutto questo a chi, ogni giorno, ogni ora, ogni minuto… perde una persona cara? Nessuno. La domanda è sempre la stessa: perchè a me e non a qualcun altro? Questo non possiamo saperlo. 

Ed è proprio per tale ragione che, la vita, va vissuta ogni giorno. Godendosi ogni singolo istante. Sognando magari, che tanto non costa nulla. E realizzare, soprattutto, i nostri più grandi desideri così da non avere mai rimpianti e rimorsi. 

Come Nina che ha lasciato nei telespettatori di “Braccialetti Rossi 3″, la malinconia, le lacrime ma anche tanti ricordi belli.

Rossana Nicolosi



© RIPRODUZIONE RISERVATA