Dibattito

Vittoria, Lombardo ai grillini: “Antipolitica acquattata”

Giovanni Lombardo
Giovanni Lombardo
7 apr 2015 - 22:37

VITTORIA - Si fa sempre più caldo il clima politico in città in vista delle prossime amministrative. A rispondere, a muso duro, ai grillini è Giovanni Lombardo, consigliere del movimento Città Libera, che sottolinea alcune contraddizioni pentastellate e ribatte alle accuse mosse ai consiglieri comunali.

In merito all’iniziativa del Movimento sulla criminalità organizzata in città – alla presenza del senatore Giarrusso e dell’ex assessore Gurrieri – Lombardo riprende l’intervista di NewSicilia.it all’onorevole grillino, in particolare con un riferimento alle “criticità” dell’amministrazione comunale.

“Sinceramente non sappiamo - dichiara Giovanni Lombardo -, a causa delle nostra incolpevole assenza (non eravamo stati invitati), se tale “criticità” sia stata esplicitata nel corso dell’iniziativa, ma il dato curioso è che dette affermazioni di “criticità” il senatore Giarrusso le abbia fatte con a fianco l’avvocato Piero Gurrieri, fino a qualche mese fa assessore della Giunta Nicosia e che oggi, evidentemente folgorato sulla via di Damasco, ha ritenuto di doversi ravvedere forse in vista di nuovi orizzonti politici”.

Lombardo rivendica le battaglie dei consiglieri e dei politici nei confronti dell’attuale giunta e spiega che “per i grillini i politici sono tutti uguali tranne alcuni”.

Inoltre, per quanto concerne l’affaire Emaia, Lombardo è netto: non vi è alcuna primogenitura del M5S sul caso.

“Non è nello stile di chi scrive - prosegue la nota del consigliere - rivendicare meriti propri, tuttavia per dovere di onestà occorre rilevare come già nella notte dell’8 agosto 2011 (voi grillini dov’eravate?), poco dopo l’insediamento di questo Consiglio, i bilanci Emaia e Amiu furono oggetto di aspre battaglie e polemiche all’interno della seduta di approvazione del Bilancio di previsione 2011 da parte di molti consiglieri di opposizione, e come negli anni successivi, alle polemiche in consiglio, seguirono sul problema iniziative e documenti pubblici nei quali si paventava addirittura la sussistenza del dissesto finanziario del Comune”.

“No cari ragazzi…questa è solo antipolitica qualunquista - aggiunge Lombardo - senza alcun progetto nuovo per la città, senza la volontà di confrontarsi e dialogare con le forze politiche in campo, senza alcuna presa di posizione netta e decisa rispetto a questa giunta, ”antipolitica” che guarda già, tatticamente, con cautela e acquattata, al ballottaggio, perché si sa al primo turno elettorale nessuna alleanza e nessun confronto, Duri e puri: al ballottaggio invece, Ragusa insegna…tutto se pò fà”.

Commenti

commenti

Andrea Sessa



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento