Crisi

Vittoria, agricoltura al collasso. Moscato chiede revisione accordi con Marocco

pomodoro
Pomodoro Datterino - Img Wikipedia
3 feb 2016 - 12:55

VITTORIA - La devastante crisi che ha messo in ginocchio l’agricoltura ipparina sta proseguendo imperterrita. Uno dei mercati ortofrutticoli più grandi d’Europa è al collasso con la merce che rimane invenduta e il  prezzo di vendita dei prodotti continua a rimanere troppo basso, sempre sotto l’euro al chilo.

Così la politica interviene per proporre soluzioni. Giovanni Moscato di #selaamilacambi denuncia le “storture della filiera agroalimentare e lo strapotere della grande distribuzione organizzata e il contesto di estrema difficoltà”.

“Chi nel passato ha rivestito ruoli di assessore regionale all’Agricoltura e di sindaco per decenni non ha ottenuto nessun risultato – attacca Moscato -. Adesso è tempo di costruire una politica incisiva per il futuro con un Mercato ortofrutticolo moderno, unito tra le categorie dei commissionari e dei produttori con il centro di condizionamento e con un centro servizi a supporto dei produttori e del Mercato”.

Per Moscato la battaglia va giocata in sede europea: l’accordo con il Marocco ha condizionato pesantemente l’economia del Sud Italia e di Vittoria in particolare.

“E’ necessario rivedere gli accordi con il Marocco. Questi ultimi generano affari per decine e decine di milioni di euro. Occorre attivare la clausola di salvaguardia per tutelare i nostri produttori che soffrono la concorrenza di una ortofrutta qualitativamente inferiore e meno controllata esportata da territori ove la manodopera è certamente meno cara, dove i costi di produzione sono più bassi e dove vengono utilizzati prodotti che in Italia sono vietati”, ha aggiunto.

“Le nostre rivendicazioni devono giungere immediatamente al Parlamento Europeo. E’ fondamentale tutelare la nostra terra da accordi capestro che stanno uccidendo la nostra economia e le nostre eccellenze produttive. Non si può più chinare la testa alle decisioni di Bruxelles che ci stanno affamando facendo gli interessi delle lobby economiche piuttosto che dei popoli“, ha concluso Moscato.

Anche l’assessore comunele all’Agricoltura, Lisa Pisani, e l’esperto del sindaco, Giovanni Denaro, hanno espresso solidarietà a nome dell’amministrazione comunale agli agricoltori, che domani protesteranno al mercato ortofrutticolo, e manifestano la loro vicinanza al comparto in questo momento di profonda crisi.

“Esprimiamo vicinanza alla protesta del mondo agricolo – dichiarano Pisani e Denaro – nonostante non siamo stati invitati alla manifestazione. Ma siccome da sempre questa amministrazione è stata vicina al mondo agricolo e si è spesa per tutelare il comparto, specie nei momenti di crisi come questo, non potevamo ancora una volta non impegnarci, tant’è che è già in programma per oggi un incontro con l’assessore regionale Antonello Cracolici per organizzare un’iniziativa a Vittoria che affronti i temi della crisi e pianifichi le azioni per arginarla. L’iniziativa dovrebbe essere organizzata già la prossima settimana, alla presenza degli agricoltori e dei sindaci della fascia trasformata”.

“Sebbene prendiamo atto della chiara strumentalizzazione della manifestazione di domani - conclusono – da parte di forze politiche già in lizza per le prossime elezioni, tuttavia raccogliamo il grido di dolore degli agricoltori e ci poniamo, come sempre, al loro fianco, convinti come siamo che in questa difficile e fondamentale battaglia bisogna dire no alle polemiche sterili e sì all’impegno concreto a difesa del comparto agricolo”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati