Rifiuto

Sgarbi declina l’invito della Lega: “Sindaco a Palermo? Mai. Sicilia senza speranza”

sgarbi
Vittorio Sgarbi
26 lug 2016 - 07:49

PALERMO - Una suggestione che probabilmente è destinata a rimanere solo tale. È questa l’idea che vorrebbe Vittorio Sgarbi candidato alla poltrona di sindaco a Palermo alle prossime elezioni amministrative. Un’ipotesi che fa parlare, soprattutto lo stesso Sgarbi che tende a smentire questo possibile scenario.

Nonostante Salvini abbia rivisto le posizioni politiche della Lega negli ultimi anni, questa rimane sempre un partito legato Nord, dunque molti elettori sarebbero antagonisti naturali. Si tratterebbe di una candidatura di bandiera, non mi pare possa essere vincente“, commenta il famoso critico d’arte che ha fatto capire di non essere interessato a competere alle elezioni sotto il simbolo del carroccio. 

L’unica possibilità che Sgarbi lascia semi aperta è quella di una più ampia coalizione all’interno del centro-destra specificando, però, che difficilmente potrebbe affrontare una nuova esperienza da primo cittadino in Sicilia.

“Quello che ho visto in Sicilia – dice Sgarbi –  non mi dà in alcun modo fiducia. La regione è stata umiliata in diverse occasioni storiche dopo l’Unità d’Italia da questa pratica selvaggia dell’antimafia, che ha usato la mafia, e la usa tuttora, per costruire carriere e acquisire rendite di posizione: un’antimafia che è tutta chiacchiere e distintivo“. 

Parlando in particolare del capoluogo siciliano e dei rapporti di un sindaco della Trinacria con Roma spiega che “Palermo è senza speranza perché, oltre alla mafia, è lo Stato a esserle contro. Per le carriere di inutili prefetti, quelli che poi vanno a fare i commissari nei comuni, lo Stato umilia, calpesta la Sicilia e la rende ingovernabile. Il nemico dello Stato è lo Stato stesso e io per uno Stato come questo non posso fare molto“.

A lanciare l’ipotesi della candidatura di Sgarbi alla carica di primo cittadino di Palermo era stato pochi giorni fa Francesco Vozza, referente di Noi con Salvini a Palermo che in una nota aveva scritto: “Nelle ultime settimane diversi politici si sono detti pronti a candidarsi alla carica di sindaco di Palermo: Scoma, Romano e Ferrandelli. Inoltre, pare che anche il disastroso Orlando voglia riprovarci. Noi salviniani, però, crediamo che questa città meriti qualcosa di meglio: stiamo, perciò, pensando a Vittorio Sgarbi come candidato“.

Santi Liggieri



© RIPRODUZIONE RISERVATA