Vandalismo

Recupero dell’ex scuola “Padre Santo di Guardo”: situazione ancora drammatica

thumbnail_padre-santo-di-guardo-1
17 ott 2016 - 13:09

SAN GIOVANNI GALERMO - Ancora oggi, a distanza di anni, la situazione dell’ex scuola “Padre Santo di Guardo” in via Belvedere resta drammatica. 

L’edificio sembra continui ad essere oggetto di vandalismo e distruzione, oltre che costare migliaia di euro alla collettività. Ma in un quartiere sensibile come quello di San Giovanni Galermo, dove l’emergenza sociale è in prima linea e i parchi e i luoghi di aggregazione sono davvero pochi, è necessario intervenire al più presto.

Il consigliere della IV municipalità, Erio Buceti, infatti, chiede al sindaco di Catania, Enzo Bianco, che si attivi per riqualificare la struttura in modo tale da renderla un posto ricreativo per i giovani. 

In realtà l’immobile, quando fu siglato il patto per la sicurezza tra il Ministero degli Interni e l’Anci, sarebbe dovuto diventare un presidio per le forze dell’ordine, ma si evince chiaramente che sono rimaste solo parole. Il risultato di tante promesse ora, infatti, è questo: un sito vandalizzato e circondato dalle discariche abusive. Uno spettacolo indecoroso che i residenti del rione si trovano costretti ad ammirare tutti i giorni affacciandosi dai balconi di casa. 

thumbnail_padre-santo-di-guardo-3

La situazione attuale che vede ladri e vandali invadere l’immobile distruggendo e rubando tutto ciò che trovano dentro deve cambiare. Dopo svariate e continue proteste da parte dei cittadini, ora si parla di una potenziale riqualificazione attraverso il progetto di recupero delle periferie nella città metropolitana. 

È estremamente importante che questi progetti di recupero non rimangano solo delle semplici promesse, ma siano presi in carico e portati avanti per far sì che le parole diventino fatti. Perciò, è fondamentale che il primo cittadino avvii una concertazione con associazioni e comitati per rilanciare il territorio e rispondere così alle esigenze dei cittadini, che sono ormai stufi degli impegni non mantenuti. Riqualificare la zona e dare ai giovani luoghi di incontro sicuri è una questione che non bisogna trascurare. 

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA