Ambiente

Randello atto secondo: nuova “invasione” denunciata da Fare Verde

randello
18 giu 2015 - 12:14

RAGUSA - La riserva di Randello torna alla ribalta. Dopo la battaglia della scorsa estate contro “l’invasione” da parte di un lido e di una struttura sulla spiaggia dorata del ragusano Fare Verde ha presentato un esposto alla capitaneria di porto e ad altri enti interessati per chiedere di verificare se lo stabilimento balneare insediatosi sul litorale sia in regola con le autorizzazioni necessarie.

Per gli ambientalisti iblei mancherebbero le concessioni richieste alla UPA e le autorizzazioni amministrative obbligatorie e sembra, dunque, di essere ritornati indietro esattamente di un anno.

“Dal 1 di giugno sulla spiaggia di Randello  - spiega Fare Verde in una nota - è presente, come da pubblicità, lo stabilimento balneare, probabilmente in assenza di tutte le autorizzazioni , ma che nessuna delle autorità competenti sembra vedere e voler controllare. Atteggiamenti elusivi, abusi ed omissioni da parte degli enti pubblici , l’anno scorso consentirono lo svolgimento di tale attività fino a fine stagione. Quest’anno per quanto ci riguarda non consentiremo che si consumi un’altra stagione di illegalità in dispregio dell’uguale diritto dei cittadini ed in oltraggio al bene comune che è lo spiaggione e le sue dune”.

“Un bene comune di interesse comunitario – prosegue la nota – non può essere gestito in maniera così superficiale, generando da una parte disastri ambientali (vedi tuboldia), attingendo dall’altra a fondi europei per la sua salvaguardia (vedi Leopoldia), e favorendo l’insediamento produttivo di un privato ,in netto contrasto con le direttive europee, con i Piani di gestione o semplicemente con il buon senso. Per questo motivo abbiamo inviato un esposto alle autorità competenti, perché riteniamo che la legge e le regole devono essere uguali per tutti nei fatti”.

Per concludere Fare Verde chiede interventi immediati per evitare il degrado ambientale e per far rispettare la legalità.

 

Commenti

commenti

Andrea Sessa



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento