Protesta

A Ragusa dimissioni del presidente del consiglio comunale Iacono

foto tratta www.ragusanews.com
foto tratta www.ragusanews.com
19 feb 2016 - 19:12

RAGUSA - La diatriba sui proventi delle royalties petrolifere, sottratti in parte a Ragusa e distribuiti a tutti i comuni iblei, miete la prima vittima: Giovanni Iacono si dimette da presidente del consiglio comunale e “si fa da parte“.

Iacono esprime tutto il suo profondo dissenso nei confronti di un emendamento alla finanziaria regionale in materia di royalties, che, secondo il suo punto di vista, “viola specifiche norme in materia e finisce per mortificare e danneggiare gravemente la città“.

Dopo aver appreso la notizia, il sindaco Federico Piccitto, rende pubblico il suo parere: “Una scelta sorprendentema che comprendo perché scaturita dalla necessità di difendere il ruolo del Consiglio Comunale, che una norma incomprensibile sta depauperando delle prerogative essenziali di programmazione in materia finanziaria. E comprendo ed apprezzo anche il carico di sofferenza personale di una decisione che intende preservare il rispetto del ruolo del Consiglio Comunale, che il presidente Iacono ha saputo degnamente rappresentare”.

E il primo cittadino aggiunge: “Sono certo che Giovanni continuerà insieme a noi le battaglie intraprese, tese a difendere gli interessi del nostro territorio che non può e non deve subire passivamente le scelte politiche scellerate operate a livello regionale, sia da chi vuole che Ragusa continui ad essere terra di conquista, sia da parte di esponenti politici che piuttosto che difendere gli interessi della città che dovrebbero rappresentare, mirano piuttosto a bloccare ogni azione di crescita e sviluppo della città solo perché portata avanti da forze politiche che si stanno battendo per un cambiamento radicale nel modo di amministrare la cosa pubblica”.

Daniela Torrisi



© RIPRODUZIONE RISERVATA