Proposta

Prostituzione a Catania, Parisi: “Legalizziamo il fenomeno senza falsi pudori o moralismi”

VINCENZO-PARISI
5 mag 2017 - 10:26

CATANIA - La prostituzione è un fenomeno dilagante in città. Sul tema si è espresso il consigliere comunale Vincenzo Parisi.

“Multe, sanzioni e Daspo urbano. Se qualcuno crede che il nuovo corso del Sindaco Bianco toglierà la prostituzione dalle strade di Catania si sbaglia di grosso – avverte Parisi -. Già nel 2011 simili provvedimenti dovevano segnare un giro di vite contro il mercato del sesso. Il risultato fu un buco nell’acqua con le conseguenze che, ancora oggi, si possono vedere ai quattro angoli della circonvallazione, in via Domenico Tempio e nella zona della Stazione. Forse le multe da 200-300 euro avranno il solo effetto di spostare ragazze e clienti verso altre ‘vetrine’ ma non a trovare una soluzione definitiva al problema. Non ci si può nascondere dietro a un dito oppure chiudere gli occhi davanti ad una questione che resta sempre di grande attualità”.

“Paesi come Svizzera, Germania e Olanda – spiega Parisi - hanno legalizzato il fenomeno della prostituzione. Perché l’Italia non riesce a fare altrettanto? Le ragazze sarebbero sottoposte a rigidi controlli e pagherebbero le tasse: esattamente il contrario di quello che succede ora. Il giudizio dei benpensanti sulla questione è scontato ma da anni il sottoscritto Vincenzo Parisi, presidente della commissione al Bilancio, insieme al consigliere comunale Giuseppe Catalano, si batte affinché l’amministrazione comunale possa farsi portatrice di un progetto che affronti il fenomeno della prostituzione senza falsi pudori o moralismi ma con la consapevolezza che parliamo del mestiere più vecchio del mondo e che non sarà certamente fermato dal Daspo Urbano”.

“Ecco perché - conclude - è fondamentale una presa di coscienza che possa assicurare una volta per tutte legalità, pulizia e sicurezza a quello che viene considerato il mestiere più vecchio del mondo. La prostituzione oggi è in mano alla malavita e dalla periferia fino al cuore di Catania appena si fa buio si vedono decine di ragazze di ogni età che battono il marciapiede tra le feroci lamentele dei residenti delle zone in questione che si ritrovano l’ingresso di casa pieno di preservativi e fazzoletti”.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA