Sanità

Ospedale di Giarre, sindaci del distretto chiedono incontro con Crocetta

sindaci
17 mar 2016 - 18:15

GIARRE -  I dieci sindaci dei Comuni del Distretto socio-sanitario di Giarre hanno formalmente richiesto un incontro a Palermo con il presidente della Regione, Rosario Crocetta, e l’assessore regionale della Salute, Baldo Gucciardi per il prossimo martedì 22 marzo alle ore 10.

La decisione è stata presa a seguito della mancata partecipazione del dirigente generale dell’Asp di Catania, Giuseppe Giammanco, alla riunione con gli amministratori fissata per stamani da più di dieci giorni, dopo che anche l’incontro dello scorso 7 marzo non si era tenuto anche in quel caso senza spiegazioni.

Gli amministratori locali hanno altresì comunicato che martedì si recheranno a Palermo e resteranno in presidio per l’intera giornata nelle sedi delle istituzioni regionali anche in assenza di un colloquio con Crocetta e Gucciardi.

L’iniziativa è stata così motivata dai sindaci: “La nostra pazienza è finita, ci recheremo a Palermo per dare alle istituzioni una ulteriore tangibile testimonianza del disagio patito dall’intero territorio jonico-etneo e delle preoccupazioni dei cittadini rispetto all’effettiva tutela del diritto alla salute nei dieci comuni del Distretto, specie per quel che riguarda la gestione dell’assistenza medica nei casi di emergenza-urgenza”.

Sull’assenza odierna di Giammanco duro il commento degli amministratori: “Quello del direttore è stato un grave ed arrogante sgarbo non soltanto nei confronti delle istituzioni che i sindaci rappresentano, ma anche e soprattutto nei confronti degli oltre 80 mila cittadini che vivono nei dieci comuni”.

Si tratta dei centri di Giarre, Riposto, Mascali, Piedimonte Etneo, Calatabiano, Milo, Sant’Alfio, Linguaglossa, Fiumefreddo di Sicilia, Castiglione di Sicilia, per i quali la struttura ospedaliera giarrese rappresenta il principale punto di riferimento medico-sanitario.

L’ospedale, come evidenziato dai sindaci nel corso delle proteste degli ultimi giorni, è oggetto da lungo tempo di un graduale drastico ridimensionamento di servizi e risorse.

“L’invito ad essere presenti a Palermo – proseguono i sindaci – è esteso ai deputati cui sta a cuore il destino del nostro territorio, al complesso dei rappresentanti politici ed istituzionali dei Comuni, ai cittadini, alle associazioni, agli attivisti per il diritto alla salute”.

Lo scorso 19 febbraio i sindaci avevano incontrato il presidente della Regione a Catania, occasione in cui Crocetta aveva preannunciato un piano di rilancio dell’ospedale. Il confronto fra sindaci e Asp avrebbe dovuto concentrarsi proprio sul contenuto di tale piano.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA