Intervento

Ospedale Augusta, Musumeci: “Recuperare il ritardo che ci penalizza”

ospedale Augusta
24 mar 2017 - 13:29

AUGUSTA - Le condizioni dell’ospedale Muscatello di Augusta riassumono la situazione delle strutture sanitarie di tutta l’isola.

Mancanza di fondi, cemento depotenziato, reparti mancanti in alcune strutture sono solo alcuni aspetti del periodo nero delle strutture sanitarie in Sicilia. In merito all’argomento si è pronunciato il presidente delle Commissione Regionale Antimafia, l’on. Nello Musumeci che insieme con l’on. Stefano Zito ha visitato la struttura.

Grande attenzione è stata posta alla mancanza del reparto di neurologia per il quale i pazienti devono spesso ricorrere alle strutture di Siracusa e Avola.

“Precisiamo: nessun blitz. – commenta Musumeci - La visita che col collega Zito abbiamo compiuto all’ospedale di Augusta, annunciata 24 ore prima, era finalizzata ad una diretta conoscenza della struttura e della dotazione. Il Muscatello paga colpe ed errori di almeno un quindicennio a questa parte. Il recente recupero di una parte dell’immobile merita apprezzamento ma preoccupano i tempi indefiniti per il completamento ed i nove milioni di euro che mancano. Alcuni reparti soffrono per la carenza di impianti tecnologici (che rende precaria la degenza) e di personale e di strumenti diagnostici. Ma il vero scandalo consiste nel fatto che dopo sette anni, la struttura sanitaria di riferimento regionale per le patologie oncologiche da esposizione all’amianto rimane ancora sulla carta. La unicità e la specificità della destinazione del Muscatello dovevano suggerire alla Regione ed al Ministero una deroga ad ogni vincolo e limite vigenti. La Commissione Antimafia sarà impegnata non solo nella ricerca di eventuali responsabilità politiche e amministrative ma anche ad incalzare il governo regionale affinché si recuperi il grave e colpevole ritardo che continua a penalizzare il nosocomio di Augusta e l’utenza siciliana.”  

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA