ARS

Luigi Bosco nuovo assessore regionale, sostituirà Pistorio

Luigi Bosco
22 giu 2017 - 17:20

PALERMO - Un’esperienza formativa della durata di quattro anni. Adesso il compito di fare il meglio possibile in 100 giorni, come nuovo assessore regionale ai Trasporti.

È notizia odierna la consegna delle dimissioni di Luigi Bosco come assessore ai Lavori Pubblici della giunta comunale di Enzo Bianco, sindaco di Catania. Una nuova sfida per Bosco, che adesso sostituirà Giovanni Pistorio, che dopo le intercettazioni relative all’operazione “Mare Monstrum” ha visto la luce in fondo al tunnel sempre più lontana. Tra l’altro sono pubblici i diverbi avuti con il presidente della regione Rosario Crocetta, che ha puntato su Bosco per ricoprire la carica lasciata vacante.

Ai nostri microfoni, proprio mentre tornava da Palermo, è intervenuto l’assessore Bosco: “Sto tornando a Catania dopo essere stato accolto dal presidente Crocetta a Palermo. Mi ha dato questo nuovo incarico e abbiamo visitato l’assessorato. Sono molto contento”.

È chiaro, quindi, che le dimissioni sono giunte a causa di questa chiamata da parte di Crocetta. Sono stati quattro anni di lavoro intensi sotto la guida di Enzo Bianco per l’assessore Bosco, che dopo questa esperienza si è detto quasi trasformato: “Gli anni passati a Catania mi hanno cambiato, adesso vedo la città sotto un aspetto tridimensionale e a 360°, cosa che prima non riuscivo a fare. Voglio ringraziare il sindaco Bianco con cui ho operato sotto le regole di rigore e pragmatismo. Nonostante le scarse risorse, noi abbiamo costruito la Catania del ‘Terzo Millennio’: questo è uno dei motivi per cui questa città resterà speciale, l’altro è perché stiamo parlando della capitale cittadina dell’accoglienza. Seppur fisicamente distante, resterò sempre a disposizione della mia città e anche del futuro assessore che prenderà il mio posto. Mentre mi occupo della Sicilia, Catania resterà sempre Catania”.

Cosa si aspetta da questa sua nuova esperienza regionale? Quali sono i progetti che ha concordato con Crocetta?

“Siamo praticamente agli sgoccioli di questo governo Crocetta. In 100 giorni dobbiamo fare squadra e sfruttare le risorse che abbiamo a disposizione. Non deve esserci individualismo, stiamo già costruendo il gruppo di lavoro per affrontare al meglio il nuovo incarico. Già lunedì sarò a Roma dove avrò un incontro inerente alle isole minori, cercheremo di attivarci quanto prima e fare il più possibile. Perché in cento giorni si può fare tutto, ma può anche non essere fatto nulla”.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA