Solidarietà

Liquido infiammabile sul parabrezza della macchina del figlio. Il consigliere Princiotta preso di mira

Simona-Princiotta
4 lug 2016 - 13:13

SIRACUSA - Ennesimo episodio di intimidazione ai danni del consigliere comunale Simona Princiotta.

Questa volta il gesto intimidatorio ha avuto ad oggetto l’auto di uno dei figli, parcheggiata proprio sotto casa.

Sul parabrezza della Toyota è stato trovato un bidoncino contenente del liquido infiammabile e, pare sia stato trovato anche un tovagliolo con una scritta.

Il consigliere era già stato “presa di mira” dalla malavita nell’agosto del 2014 quando, un incendio di piccole proporzioni danneggiò la sua auto.

“Auspico – ha commentato il sindaco Giancarlo Garozzo – che la Procura indaghi con celerità senza trascurare nessuna pista investigativa. Mi auguro che nessuno strumentalizzi sino a quando non verrà fatta chiarezza”.

“Non bisogna essere particolarmente arguti – ha detto Pippo Zappula, parlamentare nazionale del Pd – per capire il collegamento tra le recenti vicende giudiziarie, con il clima incandescente, e l’ennesimo vile atto intimidatorio direttamente riconducibile alla consigliera del Pd, Simona Princiotta”.

Esprimo una radicale condanna verso questo gesto – ha aggiunto la parlamentare Sofia Amoddioe auspico che la magistratura faccia al più presto luce sulle responsabilità”.

Anche Ezechia Paolo Reale di “Progetto Siracusa” ha espresso parole di solidarietà: “Vogliamo dire forte e chiaro a chi con la violenza tenta di sopprimere le libertà che Simona non è sola. Certo non condividiamo tutte le sua scelte, ma siamo incondizionatamente al suo fianco nelle sue coraggiose richieste di fare luce e chiarezza su alcuni aspetti della gestione del Comune che appaiono torbidi”.

Marco Bua



© RIPRODUZIONE RISERVATA