Infrastrutture

Interporto Catania, l’on. Pogliese attacca il governo Crocetta

pogliese
12 ott 2015 - 18:15

CATANIA - «Il cantiere del Polo Logistico dell’Interporto di Catania è ad oggi fermo, e in un momento come questo in cui la Sicilia vive una durissima crisi economica e sconta un deficit infrastrutturale impressionante, la chiusura è inaccettabile. Insieme alla struttura di Termini Imerese, il cantiere dell’Interporto garantirebbe migliaia di posti di lavoro e aiuterebbe le aziende siciliane a competere con più mezzi sia nel mercato italiano, che in quello europeo e mondiale»

Si espone così l‘on. Salvo Pogliese, parlamentare europeo di Forza Italia, che punta il dito contro il governo Crocetta per la grave situazione della Società Interporti Siciliani, ente regionale a cui spetta il compito di dare il via ai cantieri per l’Interporto.

«La Società Interporti è vittima dell’ennesima inefficienza del malgoverno di Crocetta - ha dichiarato l’europarlamentare - che tardano nel ricapitalizzare l’ente. Ciò porta a varie conseguenze, tra cui i lavori fermi e i lavoratori in cassa integrazione».

Infine, Pogliese ha voluto precisare che «oltre a questo problema, c’è il concreto rischio di perdere i fondi già stanziati dal CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) e quelli del PO-FESR. In tutto si parla di 190 milioni che andrebbero quindi persi se la Società Interporti Siciliani venisse messa in liquidazione».

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento