Esposto

In chiesa per ricordare Mussolini, Anpi Catania: “Presenteremo querela”

Santina Sconza Anpi Catania
29 apr 2016 - 12:13

CATANIA - Il saluto fascista di ieri in chiesa nel corso della commemorazione a Benito Mussolini non è andato giù all’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia di Catania, pronta a fare ricorso alla magistratura: “Quanto accaduto – spiega il presidente dell’associazione, Santina Sconzaè assolutamente anticostituzionale. È già successo in passato e siamo pronti a ricorrere alla legge”.

Secondo la legge Scelba del 20 giugno 1952 e la legge Mancino del 1993 chi “persegue finalità antidemocratiche proprie del partito fascista denigrando la democrazia, le sue istituzioni e i valori della resistenza” può essere punito severamente dai due ai cinque anni di reclusione. 

“Un episodio analogo - continua infuriata la Sconza - si è verificato l’anno scorso a Ognina, ma questa volta credo che si sia esagerato. Non è ammissibile che anche i rappresentati religiosi facciano il saluto romano”.

Nel 2015 l’Anpi aveva già presentato un esposto attraverso i suoi avvocati Antonio Pastore (penalista) e Claudio Longhitano (civilista), nonché vicepresidente dell’associazione. E quest’anno sembra che la storia possa ripetersi nuovamente: “È un episodio molto grave - spiega il presidente Anpi - e credo ci siano tutti gli estremi per presentare un ricorso alla magistratura. Nessuno può inneggiare al fascismo”.

Nello specifico, infatti, viene contestato solo ed esclusivamente il gesto dei camerati: “Se vogliono ricordare Mussolini hanno i diritti per farlo, ma che lo facciano in silenzio, come si fa in tutte le funzioni religiose. Credo che monsignor Gristina debba far sentire la sua voce”.

Commenti

commenti

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento