Spaccatura

I Centristi salutano Crocetta: testa alle prossime regionali

forzese
16 giu 2017 - 08:54

CATANIA - Tensione sempre più alta all’Assemblea Regionale Siciliana e al governo siciliano, che rischia di perdere alcuni componenti e assessori.

Il gruppo Centristi per la Sicilia, infatti, è pronto a lasciare il ruolo che gli spetta. In una riunione a Catania i parlamentari hanno chiesto al coordinatore nazionale, Gianpiero D’Alia, di potersi staccare dal governo regionale rinunciando anche agli assessorati.

Duro Marco Forzese, rappresentante dei Centristi per la Sicilia: “Riteniamo chiusa la nostra avventura. Dobbiamo pensare a quello che verrà e alle prossime elezioni”.

Una rottura, dunque, con l’attuale presidente regionale, Rosario Crocetta. Il governatore non sembra essere stato all’altezza, rovinando l’immagine dei gruppi politici e del centrosinistra: “Cercheremo – prosegue Forzese – di riprendere lo spazio che ci spetta, al fine di creare una robusta collaborazione con il Partito Democratico. È con loro che cercheremo di vincere le prossime elezioni puntando su un programma concreto e su un candidato di spessore”.

Parole e decisioni che, in modo chiaro, mettono la parola “fine” al rapporto con l’attuale presidente. Conferma che arriva anche dal capogruppo nazionale: “La decisione è poco discutibile – ha affermato D’Alia - . Spero che anche altri siano pronti a muoversi e a lavorare da subito per le prossime regionali”.

Commenti

commenti

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA