Ambiente

Green Italia: “Crocetta disastroso nel settore rifiuti”

rifiuti
14 mar 2015 - 13:12

PALERMO - Con una durissima nota Vincenzo Ciffo, coordinatore Regionale di Green Italia, ha attaccato la gestione del settore rifiuti da parte del governo regionale.

“Il governo regionale siciliano - spiega Ciffo – sta governando malissimo il settore rifiuti: senza un’idea di programmazione e senza alcun rispetto per la sostenibilità e la legalità del delicatissimo settore. Il caos generato dal governo Crocetta è irrimediabile se lo si guarda con gli occhi di chi si spende per corrette scelte ecologiche, in linea e rispettose della normativa europea:da questa ottica il governo Crocetta è stato il peggiore degli ultimi anni in Sicilia”.

Secondo Ciffo si è perseguita “una politica populista e demagogica, volta a eliminare qualunque forma di gestione sovra comunale del territorio e qualsiasi tipo di programmazione, totalmente incapace di sfruttare i cospicui finanziamenti europei per la realizzazione di impianti necessari a un ciclo di raccolta efficiente e razionale e indifferente alle necessità di razionalizzazione dei costi”.

“Da un’altra, più maliziosa prospettiva – continua Ciffo – mai scelte furono più azzeccate: realizzare gli impianti previsti dal Piano Regionale dei rifiuti avrebbe comportato una spesa di circa 800 milioni, integralmente coperta dai finanziamenti allora disponibili: neanche un impianto nel frattempo è stato realizzato e i fondi sono stati persi ormai quasi totalmente”.

“A chi ha giovato tutto questo? - chiede Green Italia - Certamente ai proprietari degli impianti di trattamento dei rifiuti indifferenziati (discariche) che gli ottocento milioni li smaltiscono in meno di tre anni e che riceverebbero un duro colpo alle loro entrate se la Sicilia dovesse diventare una regione “normale”. E l’attuale caos sulla gestione del servizio riaffidato ai Comuni, a chi giova?”.

“Purtroppo, e nonostante gli sforzi sinceri di molto sindaci virtuosi – aggiunge Ciffo – giova anche a tutti coloro che governano localmente il sistema delle raccolte dei rifiuti urbani che, a prescindere da quanto scritto nei capitolati di gara, organizzano i servizi a proprio piacimento secondo comodità, favori, amicizie, nel rispetto di regole assolutamente personali, in linea col modello politico in vigore ai nostri tempi; alle ditte che si aggiudicano gli appalti le quali in questo grande caos sono meno soggette a controlli e sanzioni, non devono impegnarsi per rimuovere correttamente i rifiuti per tipologia e in forma differenziata nel rispetto di regole oggettive ma hanno soltanto l’obbligo del rispetto delle regole del “podestà” locale di turno, regole non scritte ma sussurrate”.

“Anche sui rifiuti, quindi, Crocetta non e’solo incapace ma complice e suddito di poteri opachi e dei soliti colletti bianchi”, conclude Ciffo.

Commenti

commenti

Andrea Sessa



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento